function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

La crisi non ha sconfitto gli chef che contano sulle guide
Immagini articolo
"Aspettando le stelle
ancora menù di qualità"
ANDREA BERTAGNI


Le guide gastronomiche - Michelin, Gambero Rosso e Tcs - usciranno lo stesso. A fine novembre. Anche se i critici dovrebbero tenere conto, è stato detto, dell’anno particolare. Il Covid che ha scombussolato anche l’alta cucina. "Non so se saranno giudizi veritieri - dice Lorenzo Albrici, chef della stellata locanda Orico di Bellinzona -, i ristoranti hanno lavorato offrendo meno servizi e per alcuni prodotti è stato complicato reperirli. Vedremo". Qualcuno ha però rimodellato l’offerta. "Abbiamo semplificato, presentando piatti meno articolati - spiega Piero Casartelli, chef del ristorante Conca Bella di Vacallo -; la linea è sempre però stata la stessa, anche se non sapevamo bene a cosa andavamo incontro, come tutti". Anche Albrici ha cercato di restare lo stesso. "Non abbiamo cambiato moltissimo - riprende - e adagio adagio siamo tornati alla normalità, pur avendo sempre la stessa carta".
Di necessità virtù. Senza dimenticare la creatività. "Ora è meno complicato rispetto a quando siamo usciti dalla fase drammatica della scorsa primavera - è il pensiero di Christian Moreschi, chef del ristorante Villa principe Leopoldo di Lugano - ma le difficoltà comunque non mancano. Penso alle mini porzioni, ai guanti e alle mascherine anche in cucina... Vedremo se le guide gastronomiche ci verranno incontro". Andrea Bertarini, chef del Lac ristorante di Melide, non ha cambiato anima al suo modo di esprimersi. "Solo le modalità - sottolinea -, le colazioni sono alla carta e si scelgono la sera prima, gli stuzzichini sono personalizzati. Ma a parte questo ho mantenuto il mio stile". Uno stile che, come è avvenuto altrove, si è sposato, soprattutto dopo il lockdown, con i prodotti locali. Anche per le difficoltà di approvigionamento della merce. "Ho sempre usato prodotti locali - puntualizza Bertarini -, è l’abc della buona ristorazione". Senza però essere troppo integralisti. "Se voglio abbinare un luccioperca del Ceresio a un frutto della passione, lo faccio", aggiunge Bertarini.
Riccardo Scamarcio, chef del ristorante Villa Orselina, ha sempre fatto attenzione all’igiene. "Per cui, ora che bisogna farlo per legge, non è un grande problema". Certo, il Covid ha cambiato alcune preparazioni. "Soprattutto al buffet". Ma "ancora oggi facciamo le uova davanti al cliente". Insistere. Ma anche osare. È la ricetta del ristorante Hide&Seek di Ascona, dove è lo chef Adrian Bührer a giostrare dietro ai fornelli con una cucina mediterranea e ayurvedica. "Il cambiamento imposto dal coronavirus è stato grande - ammette -, cucinare con guanti e mascherine è impegnativo e a volte difficile, soprattutto perché per capire quello che si sta cucinando bisogna anche assaggiarlo".
Più a Sud, a Vico Morcote, Giuseppe Lanzilotto, chef del ristorante La Sorgente, ama cucinare con il pesce locale, pescato nei laghi. Un savoir faire che gli ha fatto scalare le classifiche culinarie. "Ho mantenuto sempre la mia filosofia, non ha cambiato quasi nulla - dice -, quindi si può dire che non ho sofferto. Anzi, dal punto di vista turistico è stata davvero una buona annata".
La pensa così anche Valentino Roversi, chef a Locarno nel ristorante che porta il suo nome. "L’incognita è capire cosa succederà nelle prossime settimane. Anche perché per San Silvestro abbiamo già chiuso le prenotazioni".
abertagni@caffe.ch
17.10.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00