2/Vite di città, le nuove dinamiche urbane di costruzione
Immagini articolo
La skyline di Locarno
ora punta in alto, ma...
CLEMENTE MAZZETTA


Se Lugano è indietro di trent’anni, Locarno dove sta? Il libro "provocazione" dell’imprenditore luganese Stefano Artioli "Meno Trenta",  che ha messo sott’accusa i ritardi di Lugano, apre un discorso sullo sviluppo dei poli urbani del cantone. Come quello di Locarno, ancora in preda ad una forte febbre edificatoria. Oggi, ad esempio, nel quartiere Rusca-Saleggi, il triangolo fra il lago e la Maggia delimitato da Via Orelli e dal rettilineo che porta verso Ascona, ci abitano seimila persone. Una città nella città. Fatta di palazzi alti 30 metri, di condomini fronte lago, l’uno appresso l’altro, costruzioni diffuse inframmezzate a realtà industriali attive e dismesse, a zone portuali. Con una serie di torri fra Via Varesi e Via Balestra, che danno una nuova immagine allo skyline della città tanto da aver  ricevuto il premio Aspan per la qualità urbana. "Ma nonostante il premio, si fa fatica a sostenere che ci sia un giusto rapporto con lo spazio verde - osserva l’architetto Fiorenzo Tresoldi - a meno che per verde non si intenda il filare alberato che li costeggia".
Intanto la città si amplia e si alza verso il cielo. Un tempo non era così. Lo ricorda uno dei protagonisti della vita cittadina degli Anni ‘80. "Quando ero ragazzo, quella era una zona quasi selvaggia: la periferia di Locarno. Ci andavamo a giocare. Fra i prati s’intravvedevano le lepri che scappavano. Oggi c’è solo cemento e altre ‘volpi’", dice Edgardo Cattori, che si batté contro il taglio dei platani di Largo Zorzi, di fronte a Banca Stato: "Quei platani ci sono ancora. Ma non c’è più la mia città. Hanno costruito ovunque: verso il lago sulla collina, sopra Locarno.  Anche il Bosco Isolino ha  perso la sua fisionomia".  Cattori non entra in merito alla qualità di quanto edificato. Ma sottolinea la trasformazione urbana, l’occupazione centimetro su centimetro del territorio. "Oggi Locarno assomiglia a qualsiasi altra città, senza una sua identità. Solo Città vecchia resiste, ma  temo ancora per poco". Che Locano sia diventata, non solo nel quartiere Rusca-Saleggi, una città con limitata qualità architettonica, che stia perdendo la sua identità, è convinzione dell’architetto Tresoldi: "Mentre con il Piano Rusca, esempio di pianificazione illuminata, si era costruito con un giusto rapporto con il verde, con un equilibrato rapporto fra semi-pubblico e semi-privato, sull’euforia dei piani regolatori degli anni ’70 a Locarno si è costruito con tanta densità contraddistinta da poca qualità". L’apice si è registrata con i palazzi sul lungolago, osserva Tresoldi, che hanno "banalizzato" un territorio di grande pregio. Parla con cognizione di causa: partecipò negli anni ‘80 al concorso della sala multiuso sull’area ex Kleinert.  Ma anche il quartiere Rusca-Saleggi si è realizzato per somme di costruzioni, senza pensare troppo a piazze, a zone d’incontro, al verde pubblico: "Non mi meraviglio, ricordo che Locarno ha permesso la costruzione negli anni ’70 dell’Happy Rancho, ora condominio Panorama, esempio di grande quantità e poca qualità", aggiunge Tresoldi che in quegli anni, con il compagno di studi Enrico Bürgi, contestò l’intera operazione immobiliare: "Ma non critico la densificazione in sé. Critico la ‘banalizzazione’, la corsa alla speculazione, la mancanza di una progettazione capace di unire  qualità e sostenibilità". Non è il solo. Anche il giudizio di palazzo Marcacci, del Comune sull’ edificazione della città, è severo. "Si è costruito molto a Locarno come a Lugano - dice l’architetto Bruno Buzzini (municipale) - se guardo ai palazzi su lungolago devo ammettere  che non c’è stata quell’attenzione necessaria e utile all’immagine della città".

c.m.
(2 - continua)
09.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ecofin: frenata
sulla revisione
delle regole
fiscali

Trump conferma:
ucciso il figlio
di Osama
Bin Laden

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00