I consigli per fare ordine della giapponese Marie Kondo
Immagini articolo
Solo se ci emoziona
può restare nell'armadio
ROSELINA SALEMI


La casa sembra un magazzino? Non trovate mai niente? I sintomi sono seri. Avete bisogno di un "dottore". Avete bisogno di Marie Kondo, che ha trasformato l’arte di piegare i pigiami in un mestiere di successo. Il libro "Il magico potere del riordino" (2014), pubblicato da Vallardi e seguito da "96 lezioni di felicità", ha venduto milioni di copie, è finito nella classifica dei bestseller del New York Times e l’ha resa la consulente di economia domestica più famosa (e ricca) del pianeta. Adesso ha anche il suo docu-reality su Netflix "Facciamo ordine con Marie Kondo". Che però non è stato accolto dai consueti consensi, forse perché di spettacolare c’è poco…
Aggraziata, esile, determinata, Marie, 33 anni, un marito, due figlie, geneticamente ordinate, le potete conoscere su Instagram, poco anglofona ma non importa (ha un’interprete), entra come un uragano gentile nella casa di Rachel e Kevin, coppia innamorata e un po’ sfinita con due bambini piccoli. I loro armadi traboccano, gli sportelli della cucina neanche si chiudono più, le camerette sono un delirio. Sì, ci vuole proprio lei. Il metodo che ha battezzato con le sue iniziali, KonMari, rovescia alcuni luoghi comuni. Pensate che l’ordine consista nel sistemare tutto in contenitori, cassetti e scatole? Falso. Il primo passo è buttar via. Pensate che basti un’ora al giorno per mantenere una buona organizzazione? Falsissimo. Senza il Grande Riordino (4 settimane) non fate che spostare gli oggetti. Non basta aprire l’armadio e decidere: "Non mi piace più". La domanda è: "Conservare questo vestito mi rende felice?". Bisogna tenere "soltanto ciò che ci emoziona". Non che sia semplice. Marie affronta una vedova che fatica a "lasciar andare" gli oggetti del marito. Aiuta una famiglia che ha traslocato a Los Angeles in una casa più piccola. Dispensa consigli a una coppia che vuole avere figli e deve smetterla con lo stile di vita post-adolescenziale.
Marie Kondo ha studiato sociologia e nella sua formazione hanno influito i cinque anni trascorsi da aiutante in un santuario shintoista, luogo di culto  giapponese caratterizzato da cerimoniali rigidi e da ambienti molto curati. Ma insomma, poche case saranno perfette come un santuario shintoista…
Nel reality, tutti gli interventi hanno un momento cruciale, quando, a volte senza troppa convinzione, tantissima roba finisce nella spazzatura. Grandi sacchi neri e bye bye souvenir, giocattoli, pupazzi, scarpe intatte nella loro scatola (acquisto compulsivo, errore, apparente affare). Il criterio vale anche per le foto di famiglia: valorizzate le migliori (album, cornici) e scartate le altre. Se di alcune cose non riuscite a liberarvi, raccoglietele in una (ma solo una) memory box. Purtroppo, e questo le è valso parecchie critiche, consiglia di eliminare anche i libri ("non leggeremo mai quelli che possediamo e non abbiamo letto, e quelli già letti non ci servono"). Su Facebook, qualcuno si è spinto a definirla una ciarlatana. Forse è tutta invidia, ha guadagnato troppo. Ma il metodo funziona, almeno nelle case americane dello show. A conclusione di una delle puntate, una giovane madre piange di gioia: "Finalmente è tutto in ordine, la famiglia è di nuovo in armonia, tutto ha un senso". Poi è più difficile capire quando Marie Kondo tocca i libri per "svegliarli", cerca il punto giusto per "ringraziare la casa", ha una parola gentile per il calzino che butta via. Per chi non è giapponese, né shintoista forse è troppo.
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur