Il Monopoly ticinese visto da Mauro Dell'Ambrogio
Immagini articolo
"La fortuna non basta
ci vuole competenza"
CLEMENTE MAZZETTA


Il Monopoly nell’ultima versione canton-ticinese, con le tradizionali caselle occupate dalle città, dalle industrie, dai paesaggi più suggestivi del cantone, dai giornali - il Caffè e la Tessiner Zeitung - è anche metafora dei rischi da evitare e delle chances da cogliere per mantenere (e accrescere) lo standard socio-economico del Ticino. "Nel gioco, come nella vita di ognuno di noi, ma anche del cantone, la fortuna riveste un ruolo importante", dice Mauro dell’Ambrogio, segretario di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione. Ma non basta accontentarsi del risultato dei dadi per agguantare nuove opportunità. Conta la strategia, l’applicazione, la formazione.
"Il risultato, il destino individuale e del cantone dipende da una somma di capacità e di volontà - aggiunge Dell’Ambrogio -. Fino a quando i talenti, le persone più capaci, dotate di spirito imprenditoriale, avranno voglia di restare e  di fare, il Ticino avrà le possibilità delle migliori regioni svizzere".  Ovvero, sono i giocatori che fanno la partita. Se questi sono scarsi, se i migliori vanno all’estero, si scenderà inevitabilmente di categoria. E per il Ticino comincerà il declino. Dell’Ambrogio considera certi atteggiamenti protezionistici, come la difesa ad oltranza di alcuni settori, dei lavoratori indigeni,  quel "prima i nostri" un imprevisto. Come sempre di buone intenzioni è lastricato l’inferno. Possono far perdere un giro. Si resta fermi mentre le altre regioni svizzere progrediscono.  E allora cosa occorre per garantire una ragionevole possibilità di successo nella partita del Monopoly ticinese?  "Un buon investitore deve cominciare facendo un’intelligente ripartizione dei rischi. Investire tutto su un solo obiettivo può andare bene, ma anche molto male".   
Morale: il Ticino dovrebbe guardare al futuro giocando su più tavoli. "Puntare su una buona dose di sviluppo turistico, ma anche di tecnologie innovative, dando più peso all’industria d’esportazione anche culturale, rispetto l’attività tradizionale che per il nostro cantone è stata soprattutto l’edilizia". Essere competitivi su più fronti, non prigionieri di una monocultura industriale. "È ora di fare un salto culturale, evitando di puntare tutte le nostre possibilità su un solo settore, come quello bancario o edilizio. Non è proteggendo l’industria della costruzione con strumenti come la Lia che faremo la ricchezza dei ticinesi di domani. Bisogna invece diversificare prestando attenzione a quelle che saranno le attività e le professioni del futuro". Servizi, nuove tecnologie, nuove professioni. "Fra le opportunità a disposizione delle nuove generazioni oggi abbiamo ampie possibilità di formazione professionale e universitaria grazie alla strategia perseguita in Ticino negli ultimi 25 anni.Trent’anni fa l’impiego normale pagato dalla Confederazione era quello nelle poste, nelle dogane, nelle ferrovie, nelle piazze d’armi. Oggi un centinaio di milioni arrivano per la formazione superiore e la ricerca scientifica".

c.m.
(3 - fine / Le altre puntate sono state pubblicate il 18 e il 25 novembre)
02.12.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata