Il business criminale sui migranti lungo i confini balcani
Immagini articolo
Gli oggetti che narrano
il passaggio dei profughi
NICOLA FORNACIARI E GABRIELE GATTI DA BIHA


Dalla fine di aprile 2018 il transito di migranti attraverso Albania, Montenegro, Bosnia-Erzegovina e Croazia è diventato il percorso più battuto delle rotte balcaniche. Le sempre più restrittive politiche dell’Unione Europea in materia di gestione dell’immigrazione hanno determinato una deviazione del flusso di persone e, con l’arrivo del rigido inverno balcanico, all’organizzazione di nuovi campi profughi. Ad agosto l’Alto Commissariato della Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) registrava circa 5.000 migranti nelle città di Biha e Velika Kladuša, nel nord della Bosnia. La presenza di così tante persone in difficoltà in un territorio con una superficie così ridotta, ha rappresentato un’occasione per l’inserimento di diverse organizzazioni criminali legate al traffico di esseri umani.
I trafficanti o "smugglers", si sono infatti ricavati un mercato impossibile da quantificare basato sui passaggi da Bosnia e Serbia verso Paesi come Italia, Svizzera e Germania. Chi controlla il traffico ha infatti contatti diffusi in tutti i nuovi campi in Bosnia e in quelli già attivi da tempo in Serbia, che permettono loro di monitorare i nuovi arrivi dalla Grecia e di recuperare "clienti". I trafficanti si affidano ai cosiddetti "runners" per svolgere i lavori pericolosi.
"I runners - dice Diego Saccora, operatore sociale e volontario a Bihać da inizio 2018 - sono spesso individui di giovane età che si trovano invischiati nel traffico a causa delle condizioni di fragilità e ricattabilità proprie della condizione di migrante. Vengono utilizzati per guidare i gruppi di migranti lungo i percorsi verso i confini".
Non mancano inoltre i contatti tra gli "smugglers" e alcuni locali, senza i quali sarebbe impossibile conoscere i diversi sentieri che portano oltre i confini, attraverso i boschi. Risalendo la filiera si può evincere che la maggior parte del denaro viene spedito in Paesi come Turchia e Pakistan.
Ogni gruppo in partenza è formato da 7-8 persone e comprende uno o più runners e smugglers. Il runner conduce il gruppo di migranti verso il luogo di passaggio e lo accompagna fin oltre i confini di Croazia e Slovenia. Un ruolo fondamentale lo giocano i furgoni e i taxi che portano i migranti che possono permettersi di pagare la tratta vicino ai confini europei. Ogni gruppo ha però scarse probabilità di raggiungere la propria meta poiché i boschi a ridosso dei confini sono massicciamente controllati dalla polizia croata che, dopo aver arrestato e registrato i migranti, li respinge in Bosnia. Nei territori di Biha e Velika Kladuša esistono 4 principali vie di respingimento. I luoghi, strategicamente vicini al confine, sono nei pressi delle località bosniache di Lohovo, Poljana, Kulen Vakuf e Zavalje.
I migranti respinti vengono accolti dai trafficanti che li perquisiscono a loro volta, concentrandosi soprattutto sulla ricerca e distruzione di microcamere o trasmettitori per prevenire la fuga di notizie e immagini. L’obiettivo è verosimilmente quello di evitare che le persone di ritorno dalla Croazia forniscano foto o informazioni sulle pratiche a cui sono sottoposti.
Un’altra misura presa nelle operazioni di respingimento è la distruzione dei documenti rilasciati al momento dell’identificazione ed espulsione. Grazie alla loro ricostruzione è però possibile determinare che i migranti vengano respinti da Slovenia, Croazia, Montenegro e Ungheria. La presenza dei documenti in Bosnia e il fatto che siano datati pochi giorni prima del ritrovamento, colloca i migranti a più confini di distanza confermando dunque i respingimenti da parte di Paesi appartenenti all’area Schengen o all’Unione europea.
La presenza delle organizzazioni criminali e i respingimenti illegali verso la Bosnia-Erzegovina stanno contribuendo a creare un’ulteriore frattura nel tessuto sociale del Paese che si ritrova, ancora una volta, nell’occhio di un ciclone che non accenna a placarsi.
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur