function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Clima incandescente in Usa in vista dell'impeachment
Immagini articolo
È già "Trump show"
in attesa del Senato
ALESSANDRA BALDINI DA NEW YORK


Donald Trump vuole un processo-show in Senato una volta che la Camera a maggioranza democratica, pobabilmente prima di Natale, avrà votato la messa in stato di accusa: "Non hanno in mano nulla", ha proclamato il presidente degli Stati Uniti in una belligerante intervista-monologo al programma amico "Fox and Friends" dopo due settimane di audizioni pubbliche disastrose per lui e il suo partito.
Uno dopo l’altro, alti funzionari dello Stato non di parte - come ha detto una di loro, Fiona Hill, esperta di Russia distaccata dal Dipartimento di Stato al Consiglio per la sicurezza nazionale, "abbiamo accettato, potevamo non farlo" - hanno portato in luce l’esistenza di un un "quid pro quo" nei rapporti della Casa Bianca con l’Ucraina. Con la merce di scambio per gli aiuti militari sospesi e la photo-op del neo-presidente Volodimir Zelenzky nell’ufficio Ovale una duplice inchiesta: sul ruolo dell’Ucraina, e non della Russia, nelle elezioni 2016. Ma sopratutto su Hunter Biden, consigliere di amministrazione del gruppo energetico Burisma, e di riflesso sul padre Joe, ex vicepresidente e potenziale rivale Dem di Trump nel 2020. Fu una "commissione di politica interna" con la regia dell’avvocato personale del presidente, Rudolph Giuliani, come l’ha definita la Hill; un "quid pro quo" di cui "tutti sapevano l’esistenza", ha detto Gordon Sondland, ricco albergatore repubblicano dell’Oregon nominato da Trump ambasciatore alla Ue dopo una donazione da un milione di dollari al comitato per il suo insediamento.   
Il tycoon si difende con la rabbia dell’animale ferito. Liquida Sondland con un "lo conosco appena", mentre difende Giuliani, che a sua volta ha assicurato al Guardian che il presidente gli resterà fedele (ma che ha "una buona assicurazione": se "lo spingeranno sotto un autobus, pagherà i conti dell’ospedale").
Mentre i democratici lavorano ai capi di accusa (oltre a corruzione all’abuso di potere e ostruzione della giustizia potrebbero includere l’intimidazione di testimone dopo il tweet in diretta di Trump contro l’ex ambasciatrice a Kiev, Marie Yovanovich), non sono previste al momento altre deposizioni. La speaker della Camera Nancy Pelosi ha escluso di attendere decisioni dei tribunali, che potrebbero prendere mesi, sulla mancata comparizione del segretario di Stato Mike Pompeo, il chief of staff  Mick Mulvaney e l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton che venerdì è tornato su Twitter dopo aver lasciato la Casa Bianca oltre due mesi fa: "Mi avevano bloccato finora, per i retroscena, restate sintonizzati. C’è dell’altro".
L’idea adesso è di un processo veloce al Senato, al massimo due settimane dopo Capodanno. Trump sa che difficilmente sarà condannato (servono due terzi dei voti) e conta di usare la piattaforma dell’impeachment, una volta ripreso il controllo della regia, per una contro-inchiesta sui Biden chiamando a testimoniare Hunter e il whistleblower della Cia, dalle cui accuse è partita l’inchiesta.
I repubblicani intanto studiano la linea di difesa che le sparate del presidente in tv e su Twitter costringono a modificare in diretta. Quella in auge (finora) è che, Trump, anziché puntare sui Biden, voleva far luce sulla generale corruzione dell’ex repubblica dell’Urss, sulla scorta della teoria mai dimostrata di una influenza di Kiev - e non di Mosca - sulle elezioni Usa 2016. Una versione sbugiardata da funzionari dell’intelligence che venerdì hanno infornato il Senato di una campagna di anni della Russia per incastrare l’Ucraina per l’hackeraggio del voto.
24.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00