Domande e risposta sulla futura Gran Bretagna
Immagini articolo
I tormenti della May
sull'incertezza Brexit
LORETTA NAPOLEONI


Theresa May riprendere il biglietto per Bruxelles. In valigia avrà il piano B sulla Brexit. La Camera dei Comuni ha dato due settimane di tempo alla premier inglese. L’obiettivo minimo è quello che la Brexit venga alleggerita dai vincoli del "backstop" sul confine in Irlanda. Solo così May potrà sperare di strappare una maggioranza che sino ad oggi non ha avuto.
E mentre le lancette dell’orologio segnano i minuti, lo spettro di un "no deal" si riavvicina.  Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker come il presidente del Consiglio europeo Donald Tuskha hanno già detto d’essere contrari a nuove concessioni e negoziati.   Cosa succede, ora? Ecco gli scenari tratteggiati dall’economista Loretta Napoleoni che vive e lavora a Londra.

L’uscita senza accordo con maggiore sovranità
Il Regno Unito lascia l’Unione Europea senza alcun accordo.
Svantaggi: Crisi di proporzioni epiche nel Regno Unito ma anche l’Unione Europea risentirebbe del colpo. Introduzione della frontiera tra Irlanda del Nord e Repubblica Irlandese. Collasso del commercio delle merci e dei trasporti, inclusi quelli ferroviari ed aerei. Crisi di approvvigionamento alimentare. I cittadini dell’Unione Europea residenti in Gran Bretagna si troverebbero in limbo. Industria finanziaria non potrebbe più interagire con la finanza dell’Unione Europea.
Vantaggi: il Regno Unito si riprenderebbe la sovranità e sarebbe libero di fare accordi con il resto del mondo, inclusa l’Unione Europea.


L’accordo che concede solo la separazione
Il Regno Unito lascia l’Unione Europea sulla base dell’articolo 50 ma le modalità del divorzio verranno stabilite dopo, nell’interim i due useranno gli accordi del World Trade Organizationl’organizzazione mondiale del commercio.
Vantaggi: l’economia nazionale subirà un’accelerazione perché dovrà subentrare alla scomparsa della concorrenza europea. Le imprese nazionali potranno accedere a sovvenzione e fondi statali che al momento sono vietati dalle regole dell’Ue.
Svantaggi: chiunque commercia con l’Unione Europea verrà colpito da tariffe. Il commercio con l’Ue subirà grossi rallentamenti e ritardi.


L’accordo di libero commercio ma limitato
Il Regno Unito e l’Unione Europea si accordano per mantenere tra di loro il libero commercio senza tariffe soltanto per alcuni settori.
Vantaggi: Il Regno Unito è libero di stipulare accordi con altre nazioni e dato che ha un deficit commerciale con l’Ue di 95 miliardi di sterline l’industria nazionale ne trarrebbe vantaggio. In particolare quella automobilistica, aerospaziale e farmaceutica si troverebbero in una posizione di vantaggio senza le tariffe europee operando secondo le regole del World Trade Organization.
Svantaggi: il settore dei servizi, inclusi quelli finanziari, molto probabilmente rimarrebbe fuori dall’accordo. Il Regno Unito gode di un surplus nel settore dei servizi di 88 miliardi di sterline, equivalente a circa l’80 per cento dell’economia del Regno Unito.


L’accordo di ampio respiro con l’Unione Europea
Regno Unito e Unione Europa si accordano su commercio e servizi, più dettagliato è l’accordo meno libertà verrà lasciata al Regno Unito.
Vantaggi: il settore dei servizi rientrerebbe in questi accordi e quindi ne trarrebbe vantaggio.
Svantaggi: il Regno Unito sarebbe soggetto alla gran parte delle decisioni prese da Bruxelles senza poter partecipare al processo o senza avere la possibilità di opporsi. Il legislatore britannico rimarrebbe soggetto a quello dell’Unione Europea.


Il nuovo accordo per un’unione doganale
Il Regno Unito potrebbe negoziare nuovi accordi per il commercio ed i servizi ma le tariffe esterne per i beni e servizi verrebbero stabilite dall’Unione Europea.
Vantaggi: il settore manifatturiero britannico ed europeo sarebbero contenti di un accordo del genere perché potrebbero continuare a commerciare liberamente senza nuove barriere.
Svantaggi: le industrie ed i settori che rimarrebbero fuori dall’accordo, possibilmente l’agricoltura, si troverebbero in posizione di svantaggio.


Il Regno Unito rimane nel mercato comune  
Il commercio tra l’Unione Europea ed il Regno Unito non ne risentirebbe in quanto continuerebbe a godere dell’assenza delle tariffe.
Vantaggi: questa è la migliore soluzione per l’industria finanziaria, la City di Londra, l’area delle banche e dei servizi finaziari, rimarrebbe la piazza affari più importante d’Europa.
Svantaggi: Londra rimarrebbe indissolubilmente legata a Bruxelles senza avere la possibilità di influenzare le decisioni dell’Ue.
03.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur