Sono 395 i morti e più di 500 feriti nell'isola di Sulawesi
Immagini articolo
Indonesia devastata
da scosse e tsunami
REDAZIONE CAFFÈ


Si aggrava il bilancio delle scosse, e della successiva onda,  che hanno devastato l’isola di Sulawesi, in Indonesia. Un primo "bollettino" è stato fornito, ieri, sabato,  dalla Protezione civile. Sarebbero 395 le persone decedute. Oltre 500 i feriti. Ma si temono migliaia di vittime.
A ventiquattro ore dal doppio disastro che ha colpito la parte centrale dell’isola di Sulawesi, prima con due scosse fortissime di terremoto, di cui la seconda di magnitudo 7.5, e poi con uno tsunami, la devastazione si sta rivelando in tutta la sua gravità ora dopo ora.  Il bilancio  del sisma e dell’onda anomala che ha devastato l’isola, dopo che l’allarme tsunami, inizialmente scattato, era stato annullato, è destinato ad aumentare. Il numero dei morti si riferisce infatti al solo capoluogo provinciale di Palu, una città di circa 350mila abitanti che è stata semisommersa.
I soccorritori non hanno ancora raggiunto le zone più colpite dal disastro, in particolare il centro costiero di Donggala, a soli 27 chilometri dall’epicentro del sisma, una città di circa 400mila abitanti, nella zona dello tsunami. Manca ancora l’elettricità, cosa che ostacola ogni tipo di comunicazione. "Non abbiamo ricevuto alcun aggiornamento da Donggala", ha dichiarato uno dei responsabili della protezione civile.  A Palu c’è molta preoccupazione per la sorte dei partecipanti a un festival su una spiaggia cittadina che sono stati travolti dallo tsunami all’ora del tramonto. Potrebbero essere "decine o forse centinaia" le persone annegate.
Lo tsunami, con un’onda anomala di 1,5 metri, era seguito a due scosse di terremoto: una di magnitudo 6,1 e l’altra di magnitudo 7,5. In un primo momento, il buio della notte e le interruzioni alle reti di telecomunicazione hanno ostacolato i soccorsi e i tentativi delle autorità indonesiane di stilare un bilancio delle vittime. Nelle immagini riprese in video amatoriali e dalle tv indonesiane, si vedono decine di corpi coperti da lenzuola allineati lungo la costa devastata.  Un testimone locale ha inoltre riferito al sito di informazione Kompas di aver visto numerosi corpi su una spiaggia di Palu. A causa del crollo di parte degli ospedali locali, molti feriti vengono curati all’aperto su lettini improvvisati.  Nel dicembre 2004, un terremoto di magnitudo 9.1 al largo dell’isola di Sumatra,  causò uno tsunami che fece 230mila morti in una decina di Paesi del sudest asiatico.
30.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur