function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Martin Zanotti
Immagini articolo
"Vorrei ritornare
nella casa in Ticino"
FEDERICO BASTIANI


onservo ancora un fazzoletto ricamato che apparteneva al mio bisnonno, Arnoldo Antonio Zanotti Pioda che nacque ad Aurigeno, in Vallemaggia, nel Ticino". Inizia così la conversazione con uno dei più noti architetti argentini di origini ticinesi, Martin Zanotti. Il suo bisnonno arrivò in Argentina nel 1866 quando aveva sedici anni in compagnia di suo padre, Giovani Giuseppe Zanotti Megretti, un falegname. Si stabilirono a Buenos Aires ed avviarono un’industria nel settore del legname che già allora contava 500 operai. Iniziò così la dinastia Zanotti operante nel settore dell’edilizia, geometri, ingegneri, architetti, l’eredità trasmessa dal bisnonno. Al suo funerale nel 1916 partecipò anche l’ex presidente argentino Hipolito Yrigoyen. Oggi a Buenos Aires (ma anche in tutto il Sudamerica), chi deve costruire una villa, un’abitazione, cerca Martin che non è solo un architetto ma un esperto di interior design.
Nel 2018 ha vinto il premio Casa Foa come miglior architetto in questa fiera nota in Sudamerica nel mondo dell’architettura e dell’interior. "Il premio di quest’anno l’abbiamo vinto con una proposta di uno spazio abitativo piuttosto piccolo, 70 metri quadri ma che contempla tutto il necessario per un’abitabilità confortevole per una o due persone". Martin è particolarmente orgoglioso di aver ricevuto il premio perché nel 1996 vinse una borsa di studio organizzata da Casa Foa e per lui fu molto importante per dare un impulso alla sua carriera di architetto. Lo studio di Martin ha lavorato un po’ in tutto il Sudamerica, un progetto per un hotel in Perù ma anche negli Stati Uniti, a Miami dove ha progettato diversi appartamenti.
Si è costruito una reputazione sul passa parola valorizzando il pacchetto completo, l’architettura, l’interior, arte e sostenibilità edilizia. "Su questo ultimo punto in Sudamerica abbiamo ancora molto da fare perché seppur la scelta di materiali sostenibili comporti risparmio, dall’altra parte si richiedono investimenti iniziali non indifferenti", spiega.
I suoi lavori si contraddistinguono per ordine, rigore, finiture dettagliatissime perché Martin segue l’intero progetto, dalle mura alla scelta degli interni. Le persone si rivolgono a lui perché, pur avendo una fama internazionale, non impone il suo stile predefinito nei lavori che accetta, ma cerca un dialogo con il suo cliente.
"A volte non è facile, soprattutto quando ci sono tanti soldi a disposizione e molta superbia ma anche le idee del cliente poco chiare, il tutto diventa una sfida psichiatrico-socio-culturale", dice sorridendo. La parte più difficile del lavoro di Martin è capire cosa le persone hanno in testa, cosa si aspettano, entrare in sintonia con l’interlocutore. A  Zanotti piacciono le sfide e si cimenta sempre in nuove avventure come quando gli è stato chiesto di effettuare un cambio di uso di un appartamento a piano terra di Buenos Aires in un ambiente del tutto eclettico, "ho dovuto fare cose che non sapevo ed ho imparato tanto anche in quell’occasione". Non è facile raggiungere Martin che è sempre in viaggio, adesso ad esempio sta lavorando ad una prestigiosa abitazione in Uruguay. "Viaggiare mi permette anche di trovare ispirazione per i miei lavori, vedere il bello nelle cose, dalla natura, dai materiali, un mix di elementi che spesso prendono forma nella mia testa come stimolo creativo".
Quello che colpisce di Martin, nonostante la sua fama, è la sua semplicità. Molti architetti alla classica domanda quale progetto le piacerebbe realizzare, risponderebbero con idee sempre più grandiose ma non è il caso di Martin. "Abbiamo ancora una piccola casa nel Ticino che mi piacerebbe ristrutturare e trascorrere un po’ di tempo nel paese del mio bisnonno".
19.05.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00