Ipoteche e spese, cosa fare con la super moneta svizzera
Immagini articolo
Così il franco forte
conviene ai ticinesi
CLEMENTE MAZZETTA


Il franco è sempre più forte. Nel confronto con la moneta svizzera l’euro continua ad  indebolirsi. Oggi vale 1,09 franchi, un calo rispetto a quattro mesi fa, quando si cambiava ancora a 1,14. Conclusione? Alle famiglie ticinesi conviene spendere. E non solo all’estero. L’euro debole potrà avere effetti (vantaggiosi) anche sul mercato interno, dove i prezzi delle merci importate potranno diminuire. Per il risparmio conviene affidarsi al mattone: meglio pensare all’acquisto di una casa, che mettere i soldi in banca. Spieghiamo il perché.
"Sul breve termine non c’è dubbio che il cittadino, che si considera prima di tutto come consumatore, vede di buon occhio questo rafforzamento del franco. Perché dispone di un maggior potere d’acquisto all’estero. Non solo costano di meno i viaggi, le compere oltreconfine, diventano più vantaggiosi anche quelli online. Pure i prodotti che vengono importati in Svizzera, al consumatore finale costeranno di meno", dice l’economista Angelo Geninazzi.  Le principali differenze di prezzo tra la Svizzera - che resta sempre l’isola dei prezzi più cari - e l’Ue riguardano i prodotti alimentari  e le spese per l’alloggio e la salute. Stando all’Ufficio federale di statistica (Uft)i prezzi al consumo ad agosto sono rimasti stabili, con qualche eccezione. Quelli dei trasporti aerei, dei viaggi internazionali e dei servizi ospedalieri sono diminuiti. Sono aumentati quelli dell’abbigliamento degli affitti delle abitazioni.
"Sul breve termine le famiglie escono certamente vincitrici da questa situazione che vede il franco rafforzarsi sulla moneta europea", conclude Geninazzi. È però sul medio termine, osserva l’economista Amalia Mirante, che nasceranno i problemi: "In un primo momento non succederà nulla, sul medio periodo è vero che alcuni prezzi sulle merci d’importazione potranno anche diminuire, ma i Cantoni di confine, soprattutto caratterizzati da un’industria a basso valore aggiunto, soffriranno più degli altri. Inevitabili le conseguenze per il reddito delle famiglie perché le pressioni sui salari si faranno sentire. Già gli stipendi non aumentano".
E così il "ticinese medio" si sentirà diviso fra l’incertezza del futuro e la sensazione psicologica di disporre - a parità di entrate -  di un maggior potere d’acquisto. Con i tassi d’interesse in Svizzera ai minimi storici (da quattro anni la Banca nazionale svizzera ha introdotto l’interesse negativo per limitare l’attrattività del franco) che non invogliano al risparmio, sarà portato a spendere.  "Con questi tassi di rendimento così bassi, conviene maggiormente investire", conferma indirettamente  Geninazzi. E dove investire, se non nella casa! Mai prima d’ora è stato così conveniente indebitarsi in Svizzera. Secondo il servizio di confronto online sulle ipoteche di "Moneyland", i tassi di interesse per i mutui a tasso fisso sono scesi ai minimi storici. L’acquisto di una abitazione sta così diventando una possibilità reale anche per chi in passato non poteva permetterselo.  Nonostante il franco forte, l’economia Svizzera nel 2018 ha registrato un aumento del prodotto interno lordo del 2,8%. Una crescita sostenuta sia da una ripresa del commercio estero, dall’industria manifatturiera, ma anche dai consumi finali delle famiglie aumentati mediamente dell’1%.  
L’economia svizzera ce l’ha fatta. Gli anni del cambio fisso, dal 2011 al 2015 hanno permesso all’industria di recuperare competitività, spiega Geninazzi: "Inoltre la minor inflazione svizzera, la maggior stabilità dei prezzi rispetto alla zona euro, fa sì che il tasso di cambio reale non sia così elevato come quello nominale".
Ma c’è anche dell’altro. "Esiste una differenza anche fra gli aumenti nominali e quelli reali dei salari - precisa Amalia Mirante - e, rischio di bolla immobiliare a parte, se è vero che le ipoteche sono ai minimi storici, è altrettanto vero che poi ci sono delle strette nella concessione da parte delle banche". Insomma, niente ricetta magica per vivere meglio per chi ha redditi modesti, nemmeno con il franco forte.
cmazzetta@caffe.ch
08.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00