function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Il riscaldamento globale fa boccheggiare l'agricoltura
Immagini articolo
Il caldo e le gelate
devastano i  campi
ANDREA BERTAGNI


Una volta sono le ghiacciate, un’altra le temperature torride. L’agricoltura fa i conti con il mutamento, con la variante impazzita del clima. Che vuol dire periodi di siccità più lunghi e piogge più copiose. E che tradotto in termini concreti significa meno terreni agricoli, meno capi di bestiame, più costi e sacrifici. "Da tre anni a questa parte a causa della siccità gli agricoltori hanno dovuto sostenere più spese per comprare il foraggio per il bestiame - dice Omar Pedrini, presidente dell’Unione contadini ticinesi -. La sola produzione cantonale da sola non basta". Più costi, ma anche meno mucche e ovini. "I maggiori oneri finanziari hanno costretto gli allevatori a ridurre il numero di animali così da risparmiare". Non un bellissimo scenario per una categoria che dagli Anni ‘80 a oggi ha visto diminuire la superficie agricola di 7mila ettari.
La mancanza di precipitazioni unita alle alte temperature è una mazzata. "La siccità c’è sempre stata - prosegue Pedrini - ma oggi non c’è solo d’estate, c’è anche in primavera e in autunno. Inoltre dura più a lungo". E le temperature salgono progressivamente. "Negli Anni ’60 - spiega Luca Panziera di Locarno Monti - le notti tropicali, ovvero quando la temperatura non scende sotto i 20 gradi, erano meno di cinque. Oggi in un’estate ce ne sono 20". Stesso discorso per le giornate che superano i 30 gradi. "Trenta anni fa erano una o due l’anno - sottolinea Panziera - oggi siamo a 20".
Un altro dato che salta all’occhio riguarda l’isoterma di zero gradi. "Se negli Anni ’60-70 era a 3.200 metri di altitudine - dice il meteorologo - adesso siamo sopra i 3.600 metri con un innalzamento di 75 metri ogni 10 anni". La colonnina di mercurio insomma non lascia adito a dubbi. "Dal 1864 a oggi le temperature sono aumentate di 2 gradi".
Come se non bastasse anche le precipitazioni non sono più le stesse. "Quando piove, piove di più - continua Panziera - negli ultimi 100 anni in Svizzera la pioggia nella giornata più piovosa dell’anno è aumentata del 10%: non così in Ticino, dove non abbiamo dati sugli eventi temporaleschi localizzati che, a differenza del resto della Svizzera, da noi si verificano con più frequenza".
Temporali o no, i contadini sono in affanno. "L’anno scorso per agevolare l’acquisto di foraggio dall’estero - osserva Pedrini - sono stati tolti i dazi sull’importazione. A livello ticinese invece non ci sono stati aiuti, ma forse sta a noi come categoria trovare le strategie giuste". Quel che è certo è che ogni temporale, come ogni ghiacciata, si fa sentire, eccome. "Quelli della scorsa settimana - prosegue il presidente dell’Uct - hanno devastato i campi di mais sul piano di Magadino".  Non tutto il settore è però in crisi. Il mondo del vino, ad esempio, sta resistendo ai colpi di testa del clima. Anche se ne ha viste di tutti i colori. "Per noi il riscaldamento climatico non è un problema - osserva Giuliano Maddalena, presidente della Federazione dei viticoltori della Svizzera italiana (Federviti) -, le temperature sono superiori, è vero, ma per il momento non hanno conseguenze negative sulla vite". Certo, si vendemmia prima. "Un’etichetta, la "Selezione d’Ottobre", che è stata creata cinquant’anni fa, si chiama così proprio per quello - riflette Maddalena -; forse oggi con le stagioni che anticipano i tempi, si chiamerebbe diversamente". E gelo e grandinate preoccupano? "Non dico che oggi la grandine rientri nella normalità, ma si verifica così regolarmente che quasi la totalità delle viti del cantone è protetta da reti". Resta il rischio delle gelate fuori stagione.
Reagire alle sfide. Sembra essere questa, secondo Maddalena, la strada da seguire. Anche con le stagioni che cambiano. E fanno danni. "Le bizze meteorologiche fanno parte dei rischi del mestiere - sottolinea Maddalena -, quest’anno, ad esempio, pare stia andando bene, ma non diciamolo troppo forte perché i pericoli sono sempre dietro l’angolo".
Il sole implacabile e la mancanza di precipitazioni stanno invece mettendo a dura prova i contadini. Che però si sono ingegnati. "Dove è fattibile si ricorre all’irrigazione artificiale - sostiene Pedrini -, altrimenti, penso in alta montagna, si taglia l’erba, valutando quando potrà piovere così da facilitarne la ricrescita. Alcuni agricoltori hanno anche cambiato le miscele di semina, optando per quelle che resistono meglio alla siccità".

abertagni@caffe.ch
07.07.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00