function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Nei licei di Savosa e Locarno studenti e docenti divergono
Immagini articolo
"Gli esami sono inutili"
"Non è vero, contano"
ANDREA BERTAGNI


Gli occhi fissi. La gamba piegata sul muretto. Mattia Passardi ha superato gli esami di maturità come i compagni che gli sono intorno sotto la tettoia del liceo di Savosa. "Gli esami non servono", taglia corto alla domanda del cronista del Caffè. Enrico Giammatteo è d’accordo. "Sapevamo già che saremmo passati, chi boccia è perché è andato male tutto l’anno". Tutti hanno in mano la pagella rosa. Alcuni insegnanti si intrattengono con le mamme. Allievi e docenti appaiono rilassati. "Gli esami sono una formalità - dice Leonardo Ruinelli -, ho studiato di più per i compiti in classe". Sarà anche così, ma intanto Yasmine Ziyati sembra non aver ancora smaltito la pressione. "Mi sono preparata bene, pensavo fossero più difficili. In ogni caso non sono essenziali, all’università sarà tutta un’altra storia".
Importante o meno, la verifica di fine anno resta una prova importante. Per tutti. A esserne certo è Giovanni Fontana, che a Savosa insegna italiano. "Non è da enfatizzare, ma nemmeno da sminuire: sicuramente è un rito di passaggio". Fabio Astori, docente di tedesco, nota: "È forse il vero primo confronto tra loro e noi, fondamentale perché obbliga a mettersi in gioco". Misurarsi con gli adulti, insomma. È questo, anche per Helena Glaser Tomasone, professoressa di economia e diritto, lo scopo degli esami. "Ma in realtà lo sforzo è di tutti: di chi li prepara e di chi li affronta", sottolinea. Anche Fiorenzo Sainini, professore di fisica, ha la fronte sudata. Non solo a causa del caldo. "L’ultima valutazione segna l’apice delle conoscenze che si sono imparate", dice, prima di mettersi all’ombra. Esausto.
Leonardo Bono è uno dei primi ad aspettare il diploma a Locarno. La direzione ha organizzato la cerimonia di consegna al Fevi. "Gli esami? Sono molto intensi e bisogna studiare soprattutto le materie scientifiche", afferma. E Sohie Saccol aggiunge: "Hanno troppa importanza e sono organizzati male: assomigliano tanto a un salto nel vuoto". Allo stesso modo la pensa Athos Leoni, anche lui in attesa dell’agognato pezzo di carta. "Tre giorni consecutivi di test sono troppi, sarebbe meglio spalmarli sul lungo periodo invece di concentrare tutto nelle ultime settimane". Dal Sottoceneri al Sopraceneri il punto di vista degli allievi non cambia granché. "Gli orali sono un po’ una roulette - spiega Diana Pereira Fernandes -, se peschi male l’argomento sei fritto. C’è poco da fare".
L’atmosfera al Fevi è frizzante e al tempo stesso compassata. Un docente confessa di essere già con la testa in vacanza. Massimo Frapolli, insegnante di italiano, fa autocritica. "Magari la formula degli esami può essere rivista, ma la sostanza non cambia: le verifiche finali sono un rito di passaggio". Anche perché esaminatori e professori non guardano solo le competenze ma anche l’atteggiamento dello studente. Fulvio Cavallini, docente di tedesco e direttore, spiega: "È sicuramaente un momento particolare, ma non certo superfluo visto che permette di valutare le attitudini dei ragazzi". Pietro Bottacchi insegna spagnolo. Prima di rispondere ci pensa un attimo e dice: "In realtà queste prove finali danno la possibilità ai ragazzi di dimostrare a loro stessi quello che hanno imparato nel corso dell’anno". Di fianco a lui c’è Donata Caglioni, professoressa di matematica: "Non è vero che non ci sono sorprese. Possono essercene di positive così come di negative".

abertagni@caffe.ch
23.06.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00