function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
La strategia per Lugano Airport vista da due esperti
Immagini articolo
Agno potrebbe "cadere"
ancor prima di decollare
ANDREA STERN


Obiettivo 2045. La Città di Lugano e il Cantone guardano dritti all’obiettivo fissato dai ricercatori del Centro di competenze dell’aviazione civile dell’Università di San Gallo. Nel 2045, sostengono, il Ticino avrà un aeroporto moderno, performante e redditizio. "Mi sembra un po’ azzardato prevedere utili con vent’anni di anticipo - nota l’ingegnere Giorgio Marcionni, direttore dell’aeroporto ai tempi di Crossair -. Il mondo dell’aviazione cambia in fretta. Si possono guadagnare soldi ma è molto più facile perderne tantissimi".
Di esempi, anche ad Agno, se ne sono contati parecchi. Ma i ricercatori di San Gallo non guardano indietro. Guardano avanti, al 2045. Allora, prevedono, i jet collegheranno Agno non solo con Zurigo e Ginevra ma anche con alcune delle principali città europee. Mentre le destinazioni turistiche limitrofe, come Locarno o Como, saranno raggiungibili in tutta comodità grazie ai droni adibiti al trasporto passeggeri. Fantascienza? "Non sorprende che lo studio indichi uno scenario positivo - riprende Marcionni -, d’altronde gli studi indicano sempre scenari positivi. Perché l’aeroporto di Agno ha un indubbio potenziale. Ma  l’impressione è che qui si siano fatti i conti senza l’oste. Ossia, senza le compagnie aeree". L’unica rimasta, Swiss, non offre garanzie per il futuro. E la condizione necessaria per attirarne di nuove, l’allungamento della pista, non potrà essere soddisfatta prima del 2031, quando sarà ultimata la circonvallazione di Agno e Bioggio. "Senza compagnie - afferma Marcionni - anche il più bell’aeroporto del mondo farebbe fatica a decollare. Di esempi di scali regionali semivuoti ce ne sono a iosa. A Parma, ad esempio, c’è un aeroporto tutto nuovo con un solo volo al giorno. L’aviazione cresce, ma cresce solo per gli aeroporti grandi. Per i piccoli la situazione è tutt’altro che rosea". Certo, tutto può cambiare. Ma indovinare cosa succederà tra venticinque anni è impossibile.
"L’orizzonte 2045 è decisamente lontano - commenta Remigio Ratti, docente universitario ed esperto di trasporti -. Fosse per me limiterei lo sguardo al 2024. Cinque anni sono sufficienti per realizzare la prima parte del piano di rilancio, quindi la costruzione degli hangar e il ripristino del collegamento per Ginevra. Allora si potranno fare delle nuove valutazioni, alla luce dei risultati ottenuti e dei cambiamenti di contesto". Poiché, aggiunge Ratti, "lo studio dell’Università di San Gallo analizza nel dettaglio i possibili scenari di sviluppo dello scalo di Agno ma non prende in considerazione i fattori esterni".
Come evolveranno il mondo dell’aviazione e più in generale dei trasporti? E l’economia ticinese? E i diretti concorenti dell’aeroporto di Agno? Sia Malpensa sia Linate sia Orio al Serio sono al centro di importanti progetti di rinnovamento e ampliamento. "Paradossalmente - nota Ratti -, l’aeroporto di Agno può ringraziare le ferrovie, che non hanno mantenuto le promesse. Malpensa avrebbe dovuto avvicinarsi al Ticino, invece è rimasta piuttosto lontano". Vi è però anche l’incognita di Alptransit con l’apertura della nuova galleria del Monte Ceneri che dall’anno prossimo abbatterà i tempi di viaggio per Zurigo. "Infine - aggiunge Ratti - non va sottovalutata l’onda verde che sta demonizzando il trasporto aereo su brevi distanze. Per ora i suoi effetti limitati ma non è escluso che a medio termine l’aviazione regionale possa pagarne lo scotto".
C’è comunque un punto su cui tutti sono concordi. Lasciare l’aeroporto di Agno così com’è significa prolungarne la lenta agonia. E quindi condannarlo a morte. "Almeno l’allungamento della pista e il nuovo sistema di avvicinamento sono indispensabili - afferma Marcionni - se si vuole salvare l’aeroporto". Tutti passi contemplati dal piano di rilancio, che può sembrare eccessivamente ambizioso se osservato dalla prospettiva dei 51 milioni di spesa ma che forse in realtà è solo lo stretto necessario. "In ogni caso qualcosa bisogna provare - conclude Marcionni -, senza affidarsi troppo agli studi. Ricordo che gli esperti sconsigliarono a Moritz Suter, fondatore di Crossair, di aprire delle rotte da Agno. Gli dicevano che sarebbero state un flop. Invece per diversi anni sono state un grande successo. Ci vuole coraggio, a volte".

astern@caffe
26.05.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00