Da Melide ad Ascona quanto si spende e cosa si trova
Immagini articolo
Nuotare gratis o di sera
nei lidi si bagni chi può
ANDREA BERTAGNI


C’è chi scommette sui prezzi bassi, come il Lido di Ascona. Chi sulle famiglie, come gli stabilimenti balneari di Lugano e Locarno. E chi, semplicemente, offre una spiaggia dove prendere il sole a tariffe abbordabili. Da Brissago a Chiasso, da Bellinzona a Bignasco, sono circa una trentina i luoghi attrezzati con vasche e rive. Che a partire da questo mese si apprestano ad accogliere turisti e bagnanti. Un’offerta per tutti i gusti. E per tutte le tasche. Insomma, si bagni chi può.
Nella maggior parte dei casi non si spendono più di 10 franchi. Ma si può scendere anche a 4 franchi e in alcuni fare il bagno gratis. Non si spende niente, ad esempio, al bagno pubblico di Tenero, al lido di Casoro-Figino e di Capolago. Tra i meno cari, il bagno pubblico di Locarno, i lidi di Caslano (entrambi a 4 franchi), Maroggia e Agno (entrambi 5 franchi), San Domenico, Riva Caccia, Paradiso e Ascona (6 franchi), Melano (7 franchi), le piscine di Bignasco (7 franchi) e di Valgersa Savosa (7.50) e il lido di Melide (8 franchi). Un gradino più in alto si posizionano la piscina coperta di Lugano e dei Grappoli a Sessa (9 franchi), la piscina di Mendrisio (9.50 franchi), i bagni pubblici di Bellinzona e Capriasca (10 franchi), il lido di Bissone (10 franchi), le piscine comunali di Chiasso e Carona, il Lido di Lugano (11 franchi) e quello di Locarno (13 franchi).
Prezzi e tariffe che possono diventare ancora più bassi per i domiciliati. E che cambiano a differenza delle offerte. Andare dove c’è solo un prato accanto all’acqua è molto meno dispendioso che rifugiarsi nella frescura di 7 piscine, come è il caso del lido di Locarno. "Noi offriamo vantagg ma anche sconti - spiega il direttore della struttura locarnese Christoph Pellandini -, il giorno prima dell’apertura dell’11 maggio proponiamo ad esempio uno sconto del 10% sul prezzo di un abbonamento estivo di 4 mesi". Al contrario di altre vasche, che aprono e chiudono prima, a Locarno si può nuotare già dalle 8.30 e continuare fino alle 21. "Essere aperti per 15 ore al giorno di fila per noi può fare la differenza", afferma Pellandini.
Tra chi punta forte sulle famiglie c’è il lido di Lugano, che ha appena rinnovato il parco giochi. "Se mamma, papà e figli arrivano prima delle 11 tutti i fine settimana e festivi dall’11 maggio fino alla chiusura risparmiano il 50% sull’entrata - precisa Patrick Scarcella, responsabile amministrativo -, inoltre i bambini hanno la possibilità di pranzare al ristorante con uno sconto del 40% sul menu".
Anche al lido di Ascona, che con i suoi 60mila metri quadri è il più grande della Svizzera non si nuota solo. "Promozioni particolari non ne facciamo - risponde il Sandro Scolari - preferiamo scommettere sui prezzi bassi e su un’offerta culinaria e di shopping per tutte le tasche". In riva al Maggiore si offrono anche tutta una serie di concerti musicali e la possibilità di organizzare eventi aziendali grazie a una tensostruttura coperta da 300 posti. Ora, si bagni chi può.

abertagni@caffe.ch
05.05.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è