Viaggio del Caffè in otto "gallerie d'arte" del territorio
Immagini articolo
L'estate al museo
con 100mila visitatori
ANDREA BERTAGNI


Hanno scommesso sull’estate. Quando il caldo spinge i visitatori altrove. E hanno registrato un buon successo. I musei e le gallerie d’arte della Svizzera italiana, hanno collezionato presenze su presenze. Quante? Difficile dare un numero preciso. Ma solo gli otto spazi d’arte interpellati dal Caffè, come hanno spiegato i loro responsabili, sono arrivati a contare oltre 85mila presenze. Facile pensare che, aggiungendo le altre realtà presenti sul territorio, si possa arrivare indicativamente almeno a 100mila visitatori. Un calcolo che trova d’accordo anche Raffaella Castagnola Rossini, direttrice della Divisione della cultura del cantone, che aggiunge: "Se si è arrivati a questo risultato, è sicuramente anche merito degli ottimi riscontri delle mostre di Picasso a Lugano e di Mario Botta a Locarno".
Una tendenza confermata da Rudy Chiappini, direttore dei musei locarnesi. "Con 10mila visitatori, l’esposizione dedicata alle architetture del sacro di Mario Botta alla Pinacoteca Rusca è stata sicuramente un successo al di là delle aspettative".
Anche al m.a.x. museo di Chiasso, che ha dedicato una retrospettiva al noto designer italiano Achille Castiglioni, sono soddisfatti. Nicoletta Osanna Cavadini, direttrice del museo, non parla di numeri. "L’affluenza è stata maggiore degli anni scorsi - afferma -, Castiglioni è molto conosciuto in Lombardia, il fatto di essere a pochi chilometri da Milano ci ha aiutato". Quest’anno, aggiunge, "c’erano inoltre persone provenienti dalla Svizzera francese e tedesca, fino a ieri del tutto assenti".
Che i grandi nomi assicurino parecchi ingressi lo ha dimostrato soprattutto la mostra di Picasso a Lugano, che ha richiamato al Lac 47.000 visitatori totali per una media di 570 al giorno e un picco di 2.300 persone nella giornata delle porte aperte. Un effetto leva che per il Museo d’arte della Svizzera italiana (Masi) ha significato raggiungere le 57.000 presenze e superare già in settembre i risultati ottenuti nel 2017. "Di solito l’estate è considerata bassa stagione - dichiara Gregory Birth, responsabile della comunicazione - a noi invece ha fatto lievitare il budget del 15-20%". Un ottimo bilancio, e ancora manca la retrospettiva dedicata a René Magritte, che sarà inaugurata il 15 settembre.
Se l’offerta di Locarno, Chiasso e Lugano è "condannata" a essere originale, altrove si punta sul pubblico di nicchia. Che risponde ancora una volta presente. A Mendrisio, ad esempio, il museo d’arte ha ospitato le opere della scultrice Franca Ghitti e la collezione Bolzani. "I giorni d’afa non hanno scoraggiato i turisti - nota una delle collaboratrici, Boel Cattaneo - anzi, forse chi è venuto da noi ha cercato proprio il fresco delle nostre sale".
In chiaroscuro il bilancio del Monte Verità di Ascona, dove nei mesi di giugno, luglio e agosto sono passate 1.600 persone. "Rispetto all’anno scorso c’è stata una leggera diminuzione, ma siamo comunque contenti", dice Stefania Gallo, responsabile marketing. Entusiasta, invece, Fabio Boscaini, direttore del museo del cioccolato di Caslano. "A causa di una ristrutturazione abbiamo potuto aprire solo nel mese di agosto, eppure abbiamo ‘staccato’ 6.000 biglietti". Stesso discorso al museo delle dogane alle Cantine di Gandria, che, dal 25 marzo a fine agosto, ha registrato oltre 5.000 ingressi.
Pienone un po’ ovunque. Anche nelle gallerie d’arte moderna e contemporanea più piccole. "Con 2.900 accessi la stagione estiva è stata molto buona - commenta Boris Croci, direttore della fondazione Ghisla art collection di Locarno - nel mese di giugno ci sono state le scuole, mentre a luglio e agosto le famiglie; agosto è anche il nostro mese di massima frequenza grazie al Film Festival".
Soddisfatto si dice anche Sebastian Fritzsche della galleria OnArte di Minusio, che presenta forme artistiche sperimentali nell’ambito delle nuove tendenze. "Sì, siamo contenti, questo è il nostro secondo anno di attività - spiega - anche se d’estate è un po’ più dura, perché la gente preferisce andare al fiume o al lago".
Sopravvivere è dunque difficile. Soprattutto in un cantone "sovraffollato", che registra circa 600mila visitatori all’anno nei suoi 94 centri culturali e d’arte. Ma si può, a patto di scommettere su proposte originali. "Per i centri culturali più piccoli è fondamentale innovare - spiega ancora Raffaella Castagnola Rossini - altrimenti rischiano di venir schiacciati dalle iniziative che arrivano dalle piazze di Zurigo e Milano". La parola d’ordine sembra quindi semplice: non fermarsi mai. "Condivido la scelta di prolungare collezioni e rassegne anche nei mesi estivi - dichiara Castagnola Rossini - le stagioni non possono determinare le abitudini della gente. Quando il turista trova chiuso, ci facciamo male da soli".

abertagni@caffe.ch
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2019
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14