Fogli in libertà
Immagini articolo
Chi uccide l'ambiente
uccide anche il futuro
RENATO MARTINONI


Ogni generazione ha dei buoni motivi per essere riconoscente nei confronti di quelle che l’hanno preceduta. E anche per lamentarsene un poco. Negli anni Sessanta, in Germania, i figli hanno duramente criticato i genitori che in maniera diretta o indiretta avevano sostenuto il Nazismo e le sue orrende malefatte. Ne è nato uno scontro che ha scavato fossati profondi e dolorosi all’interno di molte famiglie. Non sempre per fortuna i rapporti fra le generazioni sono tanto travagliati. Ci sono però dei genitori che si illudono di avere fatto solo del bene ai loro figli. E a volte si offendono se il pupillo o la pargola osano muovere loro dei rimproveri. Fa male, è vero, sentirsi criticare. C’è persino chi dice un po’ ironicamente, che, se ci sono delle responsabilità, quelle vanno sempre e soltanto messe sul conto di mamma e papà.
Resta che ci sono colpe individuali e colpe collettive. Più che ai singoli genitori, queste ultime vanno addossate alle singole generazioni. A quella per esempio che, negli anni del boom economico, ha avuto il compito di gestire il territorio non possiamo non rimproverare di averlo fatto male. Anzi, malissimo, se osserviamo come è cambiato il paesaggio, in particolare quello urbanizzato. C’è stato un tempo in cui ci si sciacquava la bocca con parole come "pianificazione del territorio" e "piano urbanistico". Stando al fiume di discorsi fatti in quegli anni dovremmo vivere in un Paese costruito come Dio vuole, secondo regole rispettose della natura e del paesaggio. Dire che non è andata così è un banale eufemismo, dato che in molte parti del mondo si è distrutto, anche insensatamente, e si sono trasformati luoghi abitati in ecomostri che sono la vergogna non solo di chi li ha rapallizzati, ma prima ancora di chi ha concesso di farlo. Tanto che molti bei paesaggi sono oramai solo un mesto ricordo affidato alle fotografie. Vergogna e disonore alle generazioni passate che lo hanno permesso!
Ma non accontentiamoci di dare le colpe agli altri. I nostri figli faranno, giustamente, lo stesso con noi. Dopo che il paesaggio è stato distrutto, stiamo avvelendando il mondo, le sue terre, le sue acque, i suoi cieli. Facciamo troppo poco, al di là delle promesse, per combattere quest’altro assassinio. Chi è venuto prima ha ucciso il paesaggio. Noi ora facciamo di tutto per ammazzare l’ambiente. Toccherà a chi domani sarà adulto giudicarci, c’è da immaginare, con durezza e senza appello. Qualcuno di noi, quelli che ancora saranno in vita, cercherà di cavarsela a buon mercato, o di impietosire chi vorrà accusarci per le nostre colpe. Ma non ci saranno motivi bastanti per difenderci. Anche la nostra generazione ha fatto i suoi bei danni. E quanti! E quanto gravi!
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento