Inarrestabile l'offerta per animali domestici. Anche in Rete
Immagini articolo
Business a nove zeri
per la pet economy
PATRIZIA GUENZI


Da Battito animale a La Cuccia agli Amici di zampa. Dall’arca di Noe a Simply dogs a Bau Bau Micio Micio. Insomma, di tutto e di più in Ticino per il benessere degli animali domestici. I negozi a disposizione per le loro esigenze sono decine e decine, senza contare l’offerta dei supermercati e quella, almeno sul fronte dell’alimentazione, degli studi veterinari. Insomma, il business della pet economy è cresciuto negli anni a dismisura. E ha conquistato anche la Rete, dove anche lì le offerte si sprecano. Anifit.ch e Zooplus.ch, ad esempio, hanno migliaia di articoli a portata di clic, con tanto di sconti, omaggi e proposte speciali grazie al programma fedeltà. Per non dire delle catene petshop, ampi spazi dove si trova di tutto, come il colosso Qualipet, quasi un centinaio di filiali in Svizzera, o Pets Friends, una dozzina di punti vendita e che a inizio aprile ha sbarcato pure in Ticino, in Piazza Castello a Locarno.
I conti sono presto fatti. In Svizzera una famiglia su due vive con un animale domestico. Cifre da capogiro: mezzo milione di cani e di conigli, 1,6 milioni di gatti, 450mila volatili, 300mila roditori e altrettanti rettili. Un esercito di quattrozampe che genera, stando ai dati dell’Ufficio federale di statistica, un business a nove zeri, oltre 1,5 miliardi di franchi l’anno, e che mentre leggete è già lievitato. Di questi, oltre 600 milioni di franchi sono per i servizi, soprattutto le fatture del veterinario. L’animale deve infatti essere vaccinato, sverminato e spesso anche operato.
Il numero di punti vendita per quattrozampe domestici non sorprende dunque. Sono finiti i tempi in cui al gatto e al cane di casa si davano i resti del pranzo in famiglia. Oggi l’alimentazione, anche per loro, è sana, bilanciata e su misura: crocchette e scatolette bio, senza conservanti, né additivi, né antiossidanti, nitriti, nitrati, coloranti; adatte all’animale sovrappeso, con problemi ai reni o al fegato, diabetico, vecchio, giovane, sportivo… Al chilo possono costare anche 20 franchi le crocchette, vere e proprie petite d’oro. Ne sanno qualcosa i principali colossi di cibo per animali, il mercato è in mano a un duo, l’americano Mars e l’elvetico Nestlé. Per quest’ultima azienda il settore pet rappresenta infatti la seconda attività più redditizia (soprattutto gli alimenti per cuccioli), dopo Nespresso e Nescafé.
Le vendite sono stabili, mentre i prezzi hanno subito un lieve ribasso. Lo si spiega con l’avvento delle grandi catene discount, come Aldi e Lidl. Anche se i consumatori, di fatto, optano o per il prodotto super conveniente o per quello di lusso; la via di mezzo non piace. Soprattutto per l’alimentazione del cane, i clienti scelgono la qualità. L’aveva spiegato tempo fa il fondatore di Qualipet, qui si entra e si possono preparare menu su misura, dosando a piacimento cibo secco e prodotti freschi.
Soldi soldi soldi. Un giro di denaro per i nostri animali di casa che ci contagia un po’ tutti. Le aziende del settore abilmente cavalcano l’onda. D’altro canto, finita l’era dei resti nella ciotola dei nostri amici pelosi, il pet food industriale è la soluzione più pratica e conveniente per nutrirli in modo equilibrato, bilanciato e completo.

p.g.
14.04.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur