Gli esercenti ticinesi alle prese con l'app Tripadvisor
Immagini articolo
Il destino dei ristoranti
deciso dalle recensioni
ANDREA STERN E ANDREA BERTAGNI


Le recensioni possono anche mandare in rovina un ristorante. Un commento negativo, un altro e un altro ancora su Internet e l’attività va in frantumi. "Una volta - racconta Pierluigi Olgiati, titolare del Grotto Morchino di Lugano -, un utente di Tripadvisor ha criticato il mio locale solo perché non ha trovato posto. Non è nemmeno entrato e l’ha giudicato pessimo". Uno sfogo che può avere pesanti conseguenze in un mondo in cui l’86% dei consumatori legge le recensioni online. "Anch’io ho dovuto leggere un paio di brutti commenti da un cliente arrabbiato perché non gli avevo offerto il digestivo e da un altro cui probabilmente non stavo simpatico", aggiunge Antonio Cavadini, titolare dell’Osteria Luis di Seseglio.
Commenti che magari dettati dalla frustrazione del momento sono indelebili. Non possono essere rimossi da Tripadvisor, tranne in rarissimi casi. "In passato - spiega Vieri Del Bianco, titolare del Ristorante Le Bucce di Gandria -, siamo riusciti a far rimuovere una recensione molto negativa di un cliente eccessivamente polemico. Ma è stato un caso più unico che raro". In genere le critiche vengono prese con sportività. "Le recensioni negative possono essere anche utili - osserva Olivia Zünd, titolare del ristorante Croce Federale di Bellinzona -, spingono a migliorarsi. In passato qualche critica l’abbiamo avuta anche noi. Abbiamo sempre risposto e cercato di capire cosa non aveva funzionato". Tra chi invece non risponde mai c’è Michele Costantini, dell’Osteria Costantini di Minusio. "Da una parte perché penso sia inutile creare un botta e risposta - dice -. Dall’altra perché non so nemmeno come si faccia... Per fortuna finora ho ricevuto solo commenti positivi".
Sono praticamente tutte ottime anche le recensioni della Locanda Orelli di Bedretto, il secondo miglior ristorante del cantone secondo Tripadvisor. "Mi fa piacere ma non amo pubblicizzare il locale in questo modo - afferma lo chef Alessandro Manfré -. Le recensioni non rientrano nella mia visione di ristorante. Però sì, soprattutto d’estate portano clienti. Noi siamo in un paese di sei abitanti e la gente deve venirci apposta. Capita spesso che lo facciano dopo aver consultato Tripadvisor". Come al Grotto Franci di Cevio. "Tripadvisor è una bella invenzione - sostiene la titolare Priska Bachofen -. È gratis e permette di farsi conoscere anche da chi non è della zona. Ci capita spesso di accogliere clienti che dicono di aver scelto il nostro locale dopo aver letto le recensioni". Bachofen legge tutti i commenti e, quando necessario, risponde pure. "Chiaramente c’è il rischio che qualcuno scriva falsità - afferma -, ma fortunatamente a noi non è mai successo".
I ristoratori dunque seguono attentamente il sito di recensioni. "È fondamentale prendere sul serio questi feedback - sostiene Simone Sciancalepore del Ristorante Acqua e Farina di Lugano -. Noi facciamo molta attenzione alle osservazioni, ci servono per migliorarci". E gli esercenti recensiscono i ristoranti che frequentano? "No - afferma Michela Rodesi del Grotto Milani di Ludiano -, se c’è qualcosa che non va lo dico direttamente al titolare in modo che possa correggere il tiro. Idem se mi trovo bene. I complimenti li faccio immediatamente, a voce". Rodesi non risponde alle critiche. "Sono rarissime - dice - ma in linea generale preferisco non ribattere. La persona intelligente capisce da sola se sono fondate o se invece sono solo lo sfogo di un cliente incontentabile".

an.b./a.s.
10.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è