Nonostante le e-mail, aumenta la spesa in francobolli
Immagini articolo
La posta del Cantone
costa più di 8 milioni
ANDREA STERN


Oltre 8 milioni di franchi in francobolli. Per l’esattezza 8’042’607 franchi. È quanto ha speso nel 2017 il Cantone per le spedizioni postali. Una cifra cresciuta di poco più di 200mila franchi rispetto all’anno precedente, di oltre un milione rispetto a dieci anni prima, quando erano stati spesi 6,94 milioni. Un aumento curioso. Soprattutto alla luce della crescente diffusione della posta elettronica, che in molti casi potrebbe sostituire quella cartacea.
"È vero, 8 milioni sono tanti - riconosce Arnoldo Coduri, cancelliere dello Stato -. Ma il cartaceo è in indispensabile in certe situazioni. La digitalizzazione è un tema di legislatura, è un obiettivo prioritario del governo. Per esempio da quest’anno esiste l’eTax, che permette di inviare la propria dichiarazione fiscale con la posta elettronica. Ma passare interamente al digitale è impensabile, almeno nel breve-medio termine".
Diversi passi per cercare di contenere la spesa sono comunque già stati fatti. La Cancelleria monitora costantemente tutte le spedizioni in uscita. L’anno scorso, inoltre, ha svolto un’azione di sensibilizzazione tra i dipendenti cantonali. Nel 2013 una trattativa con la Posta aveva permesso di ottenere un aumento dello sconto lineare sulle tariffe.
Nel 2014 il Consiglio di Stato aveva deciso che tutte le comunicazioni interne ai servizi del Cantone, scuole comprese, sarebbero dovute avvenire tramite posta elettronica. E sempre nel 2014 era stato introdotto l’obbligo per tutte le unità dell’Amministrazione cantonale di utilizzare la posta B, salvo deroghe. "Inoltre è in corso un progetto pilota tra potere esecutivo e giudiziario - aggiunge Coduri -, per valutare quali informazioni  possono essere trasmesse tramite posta certificata. Facciamo l’esempio del ricorso contro la tassa di collegamento. Le prese di posizione hanno dovuto essere intimate a una ventina di ricorrenti, quindi con una ventina di invii postali separati. Ora si sta cercando di facilitare lo scambio tra le parti senza sempre dover stampare decine di copie".
Il dipartimento che più di tutti ricorre ai francobolli è quello delle Istituzioni. L’anno scorso ha spedito lettere per più di 3,5 milioni di franchi, quasi la metà della spesa totale del Cantone. Va detto che alcuni di questi invii hanno un ritorno economico molto interessante. Per esempio quelli delle multe stradali. Solo quelle per velocità sono costate 281’302 franchi, tra invii in Svizzera e all’estero. Ma hanno permesso al Cantone di incassare oltre 6 milioni di franchi. Al secondo posto nella classifica dei dipartimenti che effettuano più spedizioni c’è quello dell’Economia e delle Finanze. L’anno scorso ha speso oltre 1,5 milioni di franchi. Ma anche in questo caso il ritorno economico - si pensi alle imposte - è infinitamente più grande. Infine il dipartimento che spende di meno in francobolli, quello del Territorio. 85’108 franchi in un intero anno.
"Va comunque detto - conclude Coduri - che parte della spesa viene recuperata tramite l’emissione di tasse amministrative. Otto milioni sono il valore lordo, quello effettivo è ben inferiore".

a.s.
21.10.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è