Il diario
Immagini articolo
Un campione vero
per le sue doti umane
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,
siamo in un tempo in cui tutto sembra scivolarci addosso, senza lasciar alcuna traccia o deposito. Ci emozioniamo un po’ e ritorniamo in fretta - generalmente - alla nostra normalità, al nostro piccolo grande orto di giornata. D’altra parte, basta considerare qual è la sorte della memoria per rilevare questa fibrillazione continua dell’attimo da inseguire. Solo presente e corsa al futuro.
CAPITA così che si resta colti da stupore davanti a momenti e scelte che ci riconciliano con il ricordo, con testimonianze che travalicano i confini della stretta quotidianità. Uno di questi "segni" è venuto dal mondo dello sport, da quel calcio che sembra solo ossessione di tattiche, visibilità, soldi, insomma la macchina dell’apparire (colpa anche di noi media). Per una volta la cronaca è andata oltre il rettangolo verde ed è entrata nel territorio del sentimento, dell’affetto, del riconoscimento di un’eredità che è la partita più importante e bella di ognuno: la vita con i suoi valori più profondi. È successo per un campione stroncato a 31 anni, al top della carriera, Davide Astori, capitano della Fiorentina. A un anno dalla sua improvvisa scomparsa è stato ricordato e onorato per ciò che ha saputo dare come uomo, molto prima che come giocatore. Ed appare strano che in un ambiente incline ad altri aspetti e richiami, ci si sia potuti fermare in un esteso atto collettivo di sottolineatura di altre qualità, doti, virtù.
SIGNIFICATIVO che a più riprese, per due settimane - dal 27 febbraio al 12 marzo, da Cagliari a Bergamo, a Firenze - si stia andando avanti a commemorare un giocatore per la sua dirittura, per la lealtà, la sicurezza, la serenità che sapeva trasmettere in campo e fuori. "DA13" era la sua sigla, iniziali di nome e cognome e numero di maglia, ma l’icona più vera era la solarità del suo carattere, la coerenza tra pensieri, parole e azioni. Non è frequente imbattersi in uno che voleva essere a posto ben oltre i 90 minuti di una partita. Fra le innumerevoli immagini di sport e di vita, non se ne trova una in cui Astori non sia sorridente. Anche questa è una lezione in un’epoca che pare aver cancellato la capacità di relativizzare, di vivere il calcio come occasione di spettacolo, di divertimento.
PER COMPRENDERE di che pasta era l’uomo c’è un gesto che ne riassume lo stile: quando nel 2015 ci fu il terremoto in Nepal, Davide volle contribuire alla costruzione di una scuola a Katmandu. Adesso a Betlemme, città non casuale, sarà realizzato un campo di calcio nel nome di Astori. È un altro messaggio forte di pace, di dialogo, in un progetto che va ben oltre lo sport e ci riverbera il senso della solidarietà concreta e della benevolenza di un uomo che - ora ci è più chiaro il perché - non potrà venire dimenticato.
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento