function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Berna annuncia l'arrivo di nuove dosi di vaccino
Nelle prossime settimane
profilassi a tappeto
PATRIZIA GUENZI


Dovrebbero arrivare nelle prossime settimane. Qualche milione di dosi di vaccino - Moderna e Pfizer - sufficienti, si spera, per riprendere a pieno ritmo la profilassi contro il Covid in tutti i cantoni. Quando e quante fialette esattamente saranno consegnate alla Confederazione non si sa. Al Caffè, l’Ufficio federale della sanità ha risposto soltanto che lo comunicherà la settimana entrante, una volta arrivate le dosi e fatti tutti i controlli necessari.
Intanto, anche se a inizio mese Berna aveva detto di aver siglato contratti per 17 milioni di dosi, difficilmente si potrà vaccinare la popolazione entro l’estate, come inizialmente era stato detto. Tra ritardi nell’approvazione dei vari vaccini e altre difficoltà nelle forniture, solo ad autunno inoltrato si potrà (forse) raggiungere l’obiettivo. Secondo il presidente dell’associazione dei medici cantonali, Rudolf Hauri, bisognerà infatti attendere fino a lì per far sì che tutti coloro che desiderano vaccinarsi lo possano fare.
Caduto l’ambizioso piano di Berna - la campagna di vaccinazione, gratuita e volontaria, era iniziata ufficialmente in tutta la Svizzera il 4 gennaio scorso - si aspettano le nuove dosi per riprendere la profilassi. Sin da subito si è sottolineata l’importanza di fare in fretta. Medici, esperti, epidemiologi sin da subito hanno continuato a ribadire quanto fondamentale fosse riuscire a vaccinare il maggior numero di persone per arrivare il più presto possibile a quella che viene definita "immunità di gregge", ovvero la capacità di un gruppo di resistere all’attacco di un’infezione.   
Staremo a vedere. Intanto, complessivamente sono state 884.025 le dosi di vaccino già consegnate ai cantoni, di cui circa 615mila già somministrate. In Ticino la somministrazione della seconda dose di vaccino è già conclusa nelle case per anziani, ospiti e collaboratori. In corso, invece, le vaccinazioni nei "centri" e "di prossimità" per gli 80enni o più e i membri della stessa economia domestica se oltre i 75enni.   
L’ordine di priorità dei gruppi target rispecchia le raccomandazioni dell’Oms e non si distingue sostanzialmente dalle strategie di vaccinazione di altri Paesi, come la Francia, l’Austria, la Germania, il Regno Unito e i Paesi Bassi.
p.g.
20.02.2021


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00