function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

I Paesi del nord Europa e gli obiettivi dell'Agenda Onu
L'economia sostenibile
riparte dal settore privato
LORETTA NAPOLEONI, ECONOMISTA


Una delle realtà emerse negli ultimi mesi è che promuovere lo sviluppo sostenibile del pianeta richiede uno sforzo globale, ciò significa non solo coinvolgere tutti i Paesi ma assicurarsi che il settore privato faccia parte dell’iniziativa. Così anche se nazioni come la Nuova Zelanda, la Finlandia e la Svezia hanno incorporato gli obiettivi dell’agenza 2030 nei loro programmi di politica interna, questo sforzo è stato fino ad ora insufficiente per innalzare le nazioni povere ai livelli di quelle ricche o per garantire lo sviluppo equo e sostenibile.
Il ruolo del settore privato è fondamentale non solo a livello finanziario ma anche per promuovere un cambiamento radicale di paradigma. A tal fine si possono tracciare alcune linee guida. La politica di investimento delle imprese, ad esempio, dovrebbe essere al servizio della società e non solo degli azionisti. Illuminante è l’esempio di diversi fondi di investimento, specialmente quelli pensionistici, che hanno smesso di finanziare tutto ciò che ha a che fare con l’industria degli idrocarburi. Promuovere un’economia globale sostenibile non significa soltanto investire nelle fonti di energia rinnovabili, bisogna anche togliere ossigeno a quelle tradizionali che inquinano e danneggiano la nostra salute.
L’impresa privata ha spesso un grosso peso politico, può quindi esercitare pressioni a livello politico affinché’ vengano sostenuti progetti in sintonia con lo sviluppo equo e sostenibile. Spesso, questa strategia può produrre risultati migliori di lungo periodo del coinvolgimento della singola impresa. L’obiettivo finale rimane il cambiamento del modello di sviluppo attuale, questo il messaggio contenuto nell’agenda 2030, un’impresa che richiede gli sforzi congiunti di governi, del settore privato e degli individui. Un’impresa ardua ma possibile, anzi necessaria se si vuole preservare il pianeta per le generazioni future.
20.02.2021


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00