function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il fenomeno "sfitto" secondo l'esperto di Wüest Partner
"Sul mercato restano
gli alloggi più vecchi"
ANDREA STERN


C’è tanto sfitto ma gli appartamenti nuovi di zecca trovano piuttosto facilmente un inquilino. "A rimanere fuori mercato sono gli alloggi vecchi e non risanati - sostiene Fabio Guerra, direttore della Wüest Partner di Lugano -, come anche gli immobili degli Anni ’90. Pur essendo relativamente recenti sono spesso stati costruiti secondo standard non più attuali". Per rendersene conto, basta guardare un qualsiasi sito di offerte immobiliari. "Abbonda l’offerta di appartamenti vecchiotti - nota Guerra - mentre quelli nuovi sono molto più rari".
Il moderno e confortevole piace. È forse anche per questo che gli enti istituzionali continuano a costruire. "Chiaramente muovendosi con capitale proprio - spiega Guerra - hanno una certa flessibilità nel fare investimenti. Ma non costruiscono tanto per costruire. Investono solo laddove hanno l’impressione che è ancora possibile ottenere un buon rendimento. Magari possono accontentarsi di qualche sfitto in più rispetto a tempo fa, possono conviverci meglio rispetto ai privati. Ma di sicuro le casse pensioni e le assicurazioni non hanno nessun interesse a costruire immobili da tenere vuoti, come qualcuno vorrebbe far credere".
È dunque sbagliato, secondo Guerra, sostenere che gli investimenti degli enti istituzionali siano l’unica causa dell’aumento dello sfitto. "A Lugano ogni anno arrivano sul mercato tra 300 e 500 nuovi appartamenti - spiega - ma una buona quota di questi è stata costruita dai privati. In Ticino c’è una regione come il Mendrisiotto dove il tasso di sfitto raggiunge livelli particolarmente elevati. Eppure lì gli enti istituzionali non sono praticamente presenti. Penso sia giusto ripartire equamente la colpa tra tutti gli attori. Ricordando che esiste un’attenuante. Ovvero che all’origine dello sfitto non vi è una sovraproduzione dell’edilizia bensì un calo imprevisto della domanda".
Un calo che obbliga tutti a essere più competitivi. In particolare chi possiede immobili risalenti agli Anni ‘60 e ‘70. "Fino a qualche anno fa poteva essere economicamente interessante demolire queste palazzine e ricostruirle - afferma Guerra -. Oggi invece è più difficile far tornare i conti con questo tipo di operazioni, a meno che non ci siano delle riserve negli indici di sfruttamento". Non resta quindi che risanare l’esistente. "Se si vuole restare sul mercato - conclude Guerra - è l’unica via percorribile".
a.s.
08.12.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00