Stenta a decollare il progetto di portare aiuti via drone
Immagini articolo
Defibrillatori volanti
ancora senza ali
PATRIZIA GUENZI


Se un defibrillatore potesse volare salverebbe parecchie vite. Fantascienza? Tutt’altro. Un progetto esiste. Almeno sulla carta. Nella pratica non s’è ancora concretizzato. Tutto è fermo a Berna, nel senso che l’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac) non ha ancora dato il suo ok per far volare un drone senza pilota con a bordo un defibrillatore. "Tecnicamente gli apparecchi volano. Sono sei droni, in grado di coprire tutto il territorio cantonale in sei minuti al massimo - dice al Caffè Claudio Benvenuti, direttore della Fondazione Ticino Cuore, da sempre impegnata per garantire un’assistenza capillare alle persone colpite da infarto -. Ma la legge per ora ne vieta un utilizzo completamente autonomo. Ecco perché per ora stiamo portando avanti una collaborazione con la Rega. Una sorta di progetto parallelo, sempre basato sul trasporto via drone".
Un progetto, quello della Rega, in gestazione da circa un anno e mezzo. L’idea è che in futuro un drone possa essere utilizzato come dispositivo supplementare nelle operazioni di ricerca di persone disperse, ferite o malate, quando ad esempio le condizioni di scarsa visibilità impediscono il ricorso ad un elicottero di soccorso. Nell’attesa, si prevedono tempi ancora lunghi per concretizzare un progetto di "defibrillatore volante", in grado di raggiungere le zone più discoste. "La normativa è molto ristretta e ci sta, capisco bene che può sembrare più un ulteriore rischio che uno strumento di soccorso - osserva Benvenuti -. Tuttavia dobbiamo tutti renderci conto che l’evoluzione è questa, e  prima la si concretizza e meglio è. Ne va della sopravvivenza di molte persone".
In questi casi un defibrillatore è fondamentale. Se disponibile entro cinque minuti dall’infarto aumenta sino al 50% la percentuale di sopravvivenza rispetto alle classiche manovre di rianimazione cardiopolmonare tradizionali (come il massaggio cardiaco e le insufflazioni) la cui sopravvivenza è dell’1-2% dei casi. Vero è che il Ticino è all’avanguardia, con numerosi apparecchi e ben distribuiti sul territorio. "Siamo un esempio a livello federale - sottolinea Benvenuti -. Basti dire che in Svizzera non esiste un elenco sul numero di apparecchi a disposizione". In Ticino sì: 1.500, un terzo pubblici (che vanno sempre più aumentando, appena posati all’ex Casa comunale di Carabbia e in via la Sguancia 5 a Pazzallo), un terzo privati (banche, uffici, commerci, aziende) e un terzo della Fondazione Ticino cuore che li ha dati ai centri di primo soccorso, come la polizia, i pompieri e le guardie di confine.
Insomma, non resta che aspettare che il defibrillatore possa volare. "Tutti i test hanno dato risultati più che soddisfacenti - spiega Benvenuti -. D’altro canto sono mezzi già in commercio, adattati poi a ciò che serve". E la loro tecnologia (radar, termocamere, sensori e altro ancora) è sicura. Inoltre, in futuro il progetto potrebbe pure essere pensato per altri tipi di intervento, come in caso di choc anafilattico. Da qui è evidente l’interesse della Rega: non sempre i suoi elicotteri sono in grado di soccorrere facilmente chi si trova in difficoltà, o per il maltempo o perché difficilmente raggiungibili.

p.g.
07.07.2019


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00