function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Le cause della denatalità per l'economista Giuliano Bonoli
Immagini articolo
"Servono gli asili nido
ma da soli non bastano"
CLEMENTE MAZZETTA


Meno di 2500 bambini nel 2018. Mamme addio. Il Ticino è sempre più la regione dove, in proporzione, nascono meno bambini rispetto al resto della Svizzera. Per sostenere la famiglia il Cantone, dal primo gennaio di quest’anno, riconosce un assegno di 3mila franchi per ogni figlio, nato o adottato.  "Più che aiuti economici una tantum alla famiglia se si vuole contrastare la denatalità servono investimenti più a lungo termine, come asili nido, agevolazioni  nei contesti lavorativi a favore delle madre, dei padri - sostiene Giuliano Bonoli, economista, esperto di tematiche familiari -. Non si può pensare che ci sia un rapporto immediato e diretto con questi interventi e l’incremento delle nascite. E poi bisogna cambiare mentalità. La società deve accetti maggiormente il doppio ruolo della donna, come madre e come lavoratrice e che si predispongano le leggi, le norme per conciliare maggiormente lavoro, professione e famiglia".
L’entrata in vigore del bonus bebè non potrà ribaltare di per sè un trend storico. È da venti anni che il Ticino ha tassi di natalità al di sotto del 10 per mille, sceso al 7 per mille l’anno scorso. Le differenze in termini di fecondità a livello regionale - il Ticino con Basilea Città è il cantone che ha il tasso di natalità più basso rispetto al resto della Svizzera - sono riconducibili a diversi fattori: struttura socio-economica, livello di reddito, vicinanza con il modello italiano (uno dei Paesi del Sud Europa che fa meno figli), disponibilità di strutture per l’infanzia, accesso alla casa e a fattori culturali.
Bonoli cita il caso della Germania, che per ovviare al basso tasso di fecondità ha dato avvio  dagli anni 2000 a varie riforme sociali sul modello scandinavo a sostegno della famiglia.  "Ma nonostante ciò non ha registrato un aumento del tasso di fecondità - conclude l’esperto -. Non basta cambiare le leggi, i tempi del cambiamento sono decisamente più lunghi".

c.m.
12.05.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00