Viaggio attraverso le piccole realtà commerciali del Ticino
Immagini articolo
I negozi di paese
che lottano per vivere
ANDREA BERTAGNI, ANDREA STERN


Senza passione e aiuti non si va da nessuna parte. Al massimo si sopravvive. Da Biasca a Vacallo, da Gorduno a Contra i negozi di paese boccheggiano. Anche se sono luoghi di ritrovo importanti. Per la popolazione. Ma soprattutto per gli anziani che non usano l’auto e preferiscono il contatto umano. "Se non fosse per il Comune e la società di ginnastica non riusciremmo a tenere aperto - dice con una punta d’amarezza Igor Fieni del negozio d’alimentari La Veranda di Vacallo - ecco perché non vedo un gran futuro". Il motivo? Quando muore un anziano il negozietto di paese già ne risente. Anche perché i giovani non si fermano. "La valle di Muggio - afferma Angelo Schmid della Dispensa di Caneggio - per fortuna si sta lentamente ripopolando ma manca comunque la sensibilità giusta, bisogna far capire quanto sono preziose le risorse locali". Piero Centurrino della macelleria Cereghetti di Castel San Pietro, che vende anche generi alimentari, è contento anche se tiene duro. "I grandi magazzini non mi danno fastidio - sottolinea - è l’Italia a essere troppo vicina e concorrenziale: io scommetto sulla qualità dei prodotti". A Tremona Ul neguziett c’è da 90 anni. Un traguardo che Heidi Betschart festeggia con il sorriso. "Ogni giorno è una lotta - spiega - ma andiamo avanti. A differenza di quello che si può pensare i negozietti come il nostro sono a buon mercato e offrono soprattutto prodotti locali".
Luigi Moro aveva uno spaccio a Cadro prima di prendere il negozio di Canobbio. " I clienti vanno coccolati - è la sua ricetta - da noi possono parlare e informarsi su ciò che acquistano: ecco perché secondo me ci sarà un futuro". Giorgio Marangoz è arrivato in Ticino dalla Turchia nel 1989. Da autista si è riciclato negoziante a Comano. "Finché riesco a pagare le fatture vado avanti - spiega - faccio davvero del mio meglio ma l’arrivo dei discount tedeschi ci ha tagliato le gambe: ora proviamo a vendere anche un po’ di gastronomia ma è dura". Stesso discorso a Sessa, in Malcantone. "Per fortuna ci sono i turisti, in estate lavoriamo molto con loro - dice Rita Ferregutti - Invece la gente del posto va nei supermercati o in Italia: su 700 abitanti qui ne vengono regolarmente solo una cinquantina". A fatica va avanti anche Angela Rocca a Breno. "Il Comune non ci aiuta, gli amministratori dicono che non vogliono creare precedenti. Per fortuna uno zoccolo duro di clienti c’è, non siamo solo un negozio ma anche un luogo di aggregazione".
Anche a Biasca ci vuole passione. "Non bisogna avere troppe pretese - osserva Annalisa Bettoli dell’alimentari Michel Blotti - così come non si deve pensare che si fanno chissà quali guadagni: forse la concorrenza dei discounts tedeschi è avvertita di più dai grandi magazzini svizzeri, per quel che ci riguarda cerchiamo di tenere i prezzi bassi". Adriana Trevisan ha aperto cinque anni fa a Prosito, vicino a Lodrino ed è soddisfatta, anche se..."Anche se mi aspetterei più clientela del paese, visto che ho aperto soprattutto per loro, invece sono conosciuta quasi di più a Lugano". Vero è che il Comune dà una mano. "Noi facciamo diverse iniziative per attirare clienti - spiega Christopher Haug nel negozio e macelleria a Riva San Vitale - perché gli anziani vengono abitualmente mentre per i giovani servono i social".
Più a Sud, a Gnosca,per cercare di catturare qualche cliente Carlo Stroppini si è spostato dal nucleo alla strada cantonale e ha puntato forte sulla gastronomia. "Entrare nel mio negozio significa scoprire che dietro a ogni prodotto c’è una ricerca, una spiegazione - rileva - il contatto umano non è solo con i clienti, ma anche con i nostri piccoli produttori: ecco perché chi ha un ruolo sociale come noi dovrebbe essere aiutato di più dallo Stato, magari con degli incentivi". A testimoniare il flo diretto con la comunità è anche la Bottega del paes di Gorduno, che in un cassetto sotto il bancone ha ancora il "libretto", dove vengono segnati gli acquisti messi in conto pagati con la pensione. "Siamo qua da quasi 100 anni - spiega Domizia Lionetti -, non dico che siamo un’istituzione, ma quasi. Il futuro è tutto da scrivere".
Col fiato alla gola si arriva a sera anche ai Monti sopra Locarno. "Per fortuna lavoriamo con i turisti - ammette Melania Gigliotta - i ticinesi che abitano qui lavorano altrove e fanno la spesa sulla strada del ritorno a casa". Anche a Contra, alla Bottega del paese, gli ospiti stranieri sono una manna."Senza di loro saremmo morti - confessa Alfio Franscella - ma la situazione peggiora comunque di anno in anno, anche perché siamo molto legati alle condizioni meteorologiche". A Locarno le cose non vanno meglio. "Il nostro è probabilmente il negozio più vecchio del Ticino, 1913, ma  siamo agli sgoccioli - dice Piero Suini - Ho 70 anni, dopo di me non c’è nessuno, le mie figlie fanno altro e comunque non consiglierei loro di fare come me".

abertagni@caffe.ch
astern@caffe.ch
12.05.2019


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00