Gli avvocati di famiglia chiedono una riforma urgente
Immagini articolo
Le tutele dei minorenni
messe sottro accusa
ANDREA BERTAGNI


Dovrebbe evitare il rischio di decisioni sbagliate, tardive, superficiali, che invece di proteggere i minori e le persone più deboli acuiscono o peggiorano situazioni di per se già complicate. Ma tarda a venire. È la riforma delle Autorità regionali di protezione (Arp) che il Dipartimento delle istituzioni, da cui dipendono, ha abbozzato nel 2014. Una riorganizzazione che dovrebbe costare tra i 7 e gli 8 milioni di franchi. E che più volte è stata "stoppata" da mille approfondimenti. Soprattutto a livello parlamentare.
E così succede che una madre si dispera perché per tre settimane non vede il figlio di dieci mesi a causa di forti incomprensioni con il padre. O, per fare un altro esempio, un 94enne viene trasferito da una casa di riposo a un appartamento, dopo due broncopolmoniti con la terza che gli è fatale. Un’associazione nasce per ribellarsi a un apparato istituzionale che ha perso di vista il proprio scopo. Un giudice della Camera di protezione del Tribunale d’appello, il presidente Franco Lardelli, auspica che qualcosa cambi e alla svelta.
Le Arp, insomma, così come sono strutturate non vanno. "Dei correttivi all’attuale sistema sono necessari - spiega Igor Bernasconi, avvocato esperto in diritto di famiglia - perché oggi i casi sono tanti, mancano le risorse e ci sono differenze enormi tra i gradi di professionalizzazione del personale". Una non omogeneità che il Dipartimento vorrebbe eliminare assorbendo le Arp a livello cantonale e modificando il loro ruolo da amministrativo a giudiziario. "Può essere un’alternativa e non sarebbe sbagliata - rileva Bernasconi - ma la valutazione è politica: nel frattempo le decisioni vengono ancora prese non tempestivamente, in maniera troppo formale e senza gli approfondimenti sufficienti".
Mentre la politica riflette, gli avvocati stanno a guardare, sperando di non incrociare mai le decisioni pronunciate. "È meglio stare il più possibili lontani dalle Arp - annota l’avvocato Daniele Jörg - anche se ogni tanto bisogna purtroppo passarci perché certe procedure sono a imbuto". Una visione non troppo lusinghiera dettata secondo Jörg dalla realtà dei fatti. "Con tutto il rispetto possibile per le presidenti e i presidenti di queste autorità - aggiunge il legale - preferirei che venga trovata una soluzione più chiara".
Presunti errori a parte, l’importante è che si agisca subito, senza perdere tempo. Ne è convinta anche l’associazione dei genitori non affidatari che proprio nei giorni scorsi ha scritto all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio. La richiesta è quella di proporre una risoluzione al Consiglio di Stato, affinché la riforma venga attuata entro la fine dell’anno.
Anche per Immacolata Iglio-Rezzonico, avvocato specializzata in diritto di famiglia, è necessario agire subito. Senza far passare troppo tempo. "La trasformazione delle Arp in autorità giudiziarie comporterebbe maggiore ordine delle pratiche - rileva - e allo stesso tempo un’uniformità nell’azione: così come sono organizzate oggi non tutelano il cittadino, in quanto le decisioni su casi simili cambiano a dipendenza di quale Arp è incaricata di occuparsi di un procedimento". Come se non bastasse, aggiunge Iglio-Rezzonico, oggi la paletta dei servizi offerti è troppo ampia e diversificata. "Non si possono mettere nello stesso calderone i ricoveri coatti con l’affidamento dei figli: sono due ambiti completamente diversi e di conseguenza si arriva a un sovraccarico di pratiche e procedure". Insomma, i reclami non mancano, gli errori si ripetono ma nulla cambia.

abertagni@caffe.ch
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è