Il trader Roberto Rivera rilancia inquietanti interrogativi
Immagini articolo
"La AstonBank fa crac
e indagano solo me"
LILLO ALAIMO


Se fosse un libro… sarebbe un’enciclopedia. Se fosse un film… una serie televisiva di quelle estenuanti, senza mai la parola fine. Ma non si tratta di un intrigo. Le cose sono semplici ma si dipanano da dieci anni lentissimamente. Un’inchiesta penale che dalla fine dello scorso decennio non ha ancora concluso la fase istruttoria. Il Caffè la racconta da quasi un anno, dando voce al protagonista. Un trader, cioè un operatore finanziario che opera con il proprio denaro, considerato un genio, tanto da essere riuscito in questi anni a triplicare i circa 3 milioni che gli furono sequestrati a Lugano all’inizio della storia processuale. Triplicati sotto gli occhi della magistratura che gli ha permesso di poterli investire.
Roberto Rivera è il comasco al centro dell’"affaire". Al centro suo malgrado, perché in questa infinita "serie televisiva" stando alle carte ufficiali non dovrebbe essere altro che un personaggio di secondo piano. Al centro della scena ci si aspetterebbe di vedere i vertici della banca da cui tutto iniziò e finì dieci anni fa. La AstonBank di Lugano, nata e fallita in poco tempo. Scomparsa in un buco, si disse allora dopo i primi calcoli, di 20 milioni di franchi.
Rivera ha fatto di tutto in questi dieci anni per chiedere la chiusura dell’inchiesta. E ora per chiedere la piena assoluzione da reati infamanti legati a quel crac. In estate la Corte dei reclami penali (Crp) ha riconosciuto, e non per la prima volta, l’estenuante e ingiustificata lunghezza dell’inchiesta. E ha addirittura ordinato il dissequestro di quei milioni maturati negli anni sulla base dei 3 milioni sequestrati inizialmente. Vale a dire oltre 5 milioni. Ma nulla si è mosso nel corso dell’autunno perché il curatore fallimentare della AstonBank ha ricorso.
Esasperato Roberto Rivera ha scritto al procuratore generale ticinese, Andrea Pagani, e a quello federale, Michael Lauber. Chiede celerità. Chiede il loro intervento. Chiede di verificare l’operato del magistrato che ha in mano la sua indagine, Andrea Gianini. Ma si domanda soprattutto come sia possibile che le indagini si siano concentrate su di lui, anziché sui vertici della banca.
"Ma come si fa a pensare che il maggior azionista, presidente del Consiglio di amministrazione, Alessandro Fabiani (ndr. un 57enne italiano a suo tempo residente in Ticino), oltretutto rappresentante legale della banca, possa essere una figura marginale e sapere poco o nulla dell’intera storia?". Così ha scritto il trader Rivera ai due procuratori generali. Puntando un fascio di luce su Fabiani, un tempo difeso da John Noseda, procuratore generale in Ticino sino alla scorsa estate, e che poco dopo lo scoppio della vicenda scomparve dalla Svizzera. "Latitante per cinque anni - sottolinea oggi Rivera -. Scomparve una settimana prima che la magistratura ordinasse il suo arresto e quello di Camillo Costa, ex direttore generale di AstonBank".
Senza troppo circumnavigare il nocciolo della vicenda, Rivera lancia il sospetto che Fabiani sia stato un "privilegiato" nell’inchiesta penale. E lo sia stato per dieci anni. È infatti solo in questi ultimi mesi, forse dopo la sentenza della Crp di quest’estate, che le indagini della procura si sono rimesse in moto.
"Prendo atto che il procuratore Gianini ora stia lavorando a spron battuto con interrogatori e altro. Ma… non poteva farlo prima? Perché interrogare per la prima volta solo in questi giorni gli organi apicali della banca? Fallisce una banca e non vengono interrogati i membri del consiglio di amministrazione? Forse anche perché uno di essi è figlio di un ex noto politico nazionale?".
Fatto è, ha rilevato Rivera nella sua lettera ai procuratori generali, "che all’improvviso, dopo due anni di inattività, il procuratore pubblico Andrea Gianini mi ha convocato per due interrogatori. Era l’autunno del 2016. Ho scoperto allora che egli non aveva mai ascoltato i principali indagati, nonché rei confessi di molti reati. Tra cui appunto Alessandro Fabiani. Su di lui pesano sospetti di malversazioni addirittura dopo l’apertura della liquidazione".
Roberto Rivera si proclama estraneo a qualunque fatto contestato penalmente da dieci anni. "Mai nessuna prova è stata prodotta contro di me, nessun indizio è mai stato corroborato da prove e soprattutto la Crp mi ha dato ragione di ciò in ogni singolo ricorso da me presentato".
La documentazione raccolta dal trader comasco sembra pesare come un macigno sulla procura e sulla liquidazione della AstonBank. Mentre lui lancia e rilancia alcuni interrogativi. "Per quale ragione ci si concentra su tutto fuorché sul danno effettivo cagionato alla banca e sulle responsabilità degli organi che davvero controllavano AstonBank? Per quale ragione Rivera era così importante per procura e liquidazione di Aston? E quali sono i veri, reali contatti e interessi fra Fabiani e chi sta curando la liquidazione?".
Sono interrogativi pesanti. E Rivera li va rilanciando da tempo. Ha scritto a tutti tra Berna, Bellinzona, Como e Roma. Ha registrato alcuni colloqui in procura e fra un suo ex legale. Ha addirittura incontrato due volte il direttore del Dipartimento delle Istituzioni, Norman Gobbi. Gli ha consegnato tutto. Registrazioni comprese. Il procuratore che ha in mano il suo caso dal 2013, Andrea Gianini, tempo fa ha lasciato intendere di aver ricevuto pressioni anche politiche perché la vicenda fosse chiusa. Dieci anni di interrogatori e perizie sono indubbiamente molti e non si vede, ha scritto la Crp la scorsa estate, quali altre analisi possano ancora esser fatte dalla procura. "Ecco anche perché - dice oggi Rivera da dieci anni impossibilitato a svolgere la sua professione - vien da pensare che dietro tutto quel che mi è successo ci sia una grande montatura. E chissà, magari anche il tentativo di arrotondare la massa fallimentare cercando di ridurre quei milioni sequestratimi e maturati sotto gli occhi della magistratura in questi anni".

l.a.
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2019
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14