function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Pessimi risultati di una ricerca sul seme degli svizzeri
Immagini articolo
Miseri spermatozoi!
Sterilità in aumento
PATRIZIA GUENZI


La popolazione svizzera continuerà ad esistere ma è indubbiamente una situazione preoccupante". Il dottor Serge Nef, ricercatore del Dipartimento di medicina genetica e sviluppo e professore alla facoltà di medicina dell’Università di Ginevra, da un lato tranquillizza chi ha letto i risultati del primo studio nazionale sulla qualità (pessima) dello sperma dei giovani elvetici, e lo fa spiegando che anche una debole concentrazione di spermatozoi non significa per forza non potere avere figli. Dall’altra, non nasconde però che "la fertilità futura dei giovani rossocrociati sarà inevitabilmente influenzata da questi risultati". Sarà dunque sempre più difficile procreare in Svizzera, visto che solo il 38% dei maschi hanno dei parametri spermatici superiori alle norme stabilite dall’Oms, Organizzazione mondiale della sanità (vedi articolo sotto). Non solo. La debole qualità del seme sembrerebbe pure correlata con un aumento del cancro ai testicoli. Il che spiega il fatto che tra il 2002 e il 2010 il numero delle coppie svizzere sterili che hanno fatto ricorso alla procreazione medicalmente assistita sia raddoppiato, da 3mila a oltre 6mila l’anno.
Lo studio, condotto dai ricercatori dell’Università di Ginevra, ha coinvolto 2.523 ragazzi dai 18 ai 22 anni durante la scuola reclute, provenienti da tutti i cantoni, concepiti e nati in Svizzera. Hanno risposto ad una serie di domande sul loro stato di salute, stile di vita, alimentazione e educazione. Lo stesso hanno fatto i loro genitori, oltre a spiegare come si è svolta la gravidanza così da valutarne l’eventuale impatto sulla salute riproduttiva del figlio. "Infine - spiega il dottor Nef - abbiamo realizzato uno spermiogramma per misurare il volume, la quantità, la mobilità e la morfologia degli spermatozoi di ciascun partecipante". E l’inquietante verdetto è stato che in un confronto internazionale, i giovani svizzeri, con 47 milioni di spermatozoi per millilitro, si trovano in coda al plotone, con la Danimarca, la Norvegia e la Germania.
"Detto ciò non dobbiamo comunque farci prendere dal panico - avverte il dottor Nef -. Ripeto, gli svizzeri continueranno ad esistere. Tuttavia, va detto che è alta la proporzione di giovani con uno sperma di qualità insufficiente. Per cui è giusto porsi delle domande sulla loro capacità di procreazione futura". E trovare delle soluzioni. "Non è così facile - riprende il medico -. Innanzitutto dobbiamo capire le cause, dovute a fattori ambientali, allo stile di vita, al fumo femminile, all’alcol, all’obesità". Un insieme di concause che andranno valutate attentamente. Vero è che lo stile di vita conta. "Il nostro consiglio è quello di evitare gli eccessi perché inevitabilmente coinvolgono la salute dell’embrione".
Lo studio non finisce qui. È solo l’inizio. I dati raccolti serviranno da trampolino per ulteriori approfondimenti. Per capire le dinamiche che hanno portato ad una situazione di questo tipo. Una situazione che in tutta la Svizzera è simile, dalle città alle campagne, laureati e non. La qualità dello sperma dei giovani elvetici è ovunque piuttosto compromessa. "Dovremo concentrarci sul perché, rivedendo tutti i questionari, scandagliando le risposte - spiega il ricercatore -. E poi faremo delle proposte, daremo dei suggerimenti". Nella speranza, prima o poi, di invertire la rotta. Altrimenti, di questo passo, si farà la fortuna delle cliniche di procreazione assistita.

pguenzi@caffe.ch
26.05.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00