Brienz/Brinzauls slitta lentamente di un metro l'anno
Immagini articolo
Su piedi d'argilla
il villaggio va a valle
PATRIZIA GUENZI


Cento centimetri possono essere poca cosa. Dipende. In questo caso sicuramente no. Lo si intuisce dalle parole del segretario comunale del municipio grigionese di Albula, preoccupato per quel villaggio che si sta "muovendo" verso valle al ritmo, ormai, di un metro l’anno. Un villaggio dai piedi d’argilla Brienz/Brinzauls, un centinaio di abitanti che diventano trecento durante la stagione turistica. "Il grosso problema è che ancora non abbiamo evidenziato la causa - spiega al Caffè Maurus Engler, segretario comunale -. Sono già stati fatti diversi sondaggi esplorativi per investigare il sottosuolo. Altri ne seguiranno. Tramite laser, dispositivi di localizzazione via satellite e tecnica radar, è possibile stabilire con esattezza l’effetto frana sul villaggio e sul sovrastante ammasso roccioso. Abbiamo coinvolto diversi esperti del cantone, inclusi anche esperti esterni".
Dapprima i centimetri erano 30-50, poi pian piano sono aumentati sempre più. E i segni sono evidenti. Molti edifici del villaggio, situato su un terrazzo a 1.100 metri sopra il livello del mare nella Valle dell’Albula, sono già segnati da evidenti crepe. I movimenti hanno provocato danni a edifici e condotti, nella maggior parte dei casi riparabili.
Senza una soluzione in tempi brevi gli abitanti saranno costretti ad andarsene dal villaggio. Il municipio tiene costantemente informata la popolazione con incontri regolari. Ha già ipotizzato un’evacuazione per persone e animali, anche da altri villaggi vicini come Vazerol, Surava e Tiefencastel. "Speriamo di trovare presto una soluzione, altrimenti sarà troppo pericoloso restare - riprende Engler -. Abbiamo chiesto l’aiuto dell’Ufficio del Militare e della Protezione Civile".
Secondo gli esperti non vi è da attendersi un improvviso peggioramento della situazione, anche se potrebbero esserci cambiamenti nell’arco delle prossime settimane o mesi. Ma a peggiorare la situazione vi è un’altra emergenza: dal 2015 incombe una frana, con massi che quasi quotidianamente rotolano in direzione del paese e sulla strada che porta a Lenzerheide. Ad essere instabile, oltre al sottosuolo dunque, è anche l’intero pendio sul lato nord del villaggio e anche su questo fronte si registra un peggioramento. Le misurazioni sulla roccia indicano che il movimento è pari a oltre quattro metri l’anno. Motivo per cui già due anni fa le autorità hanno ordinato il blocco delle costruzioni e inserito l’intera area in zona di elevato pericolo e dallo scorso settembre la zona sottostante non è più accessibile.
Il tragico fascino attorno a questo piccolo villaggio è lo stesso che ha caratterizzato Campo Vallemaggia (vedi articolo sotto). Ambedue in movimento da tempo immemorabile. Negli ultimi cent’anni, Brienz/Brinzauls si è spostato di alcuni centimetri all’anno. Ma nel giro di vent’anni c’è stata un’accelerazione.

p.g.
12.05.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00