Sono sempre di più nel mondo le stanze senza rumore
Immagini articolo
Nel silenzio assoluto
per rigenerare la mente
ANDREA BERTAGNI


Luoghi protetti. Riparati dal rumore. Per ritrovare se stessi. Anche in un centro commerciale, in una stazione o in un’università. Sono le stanze del silenzio. Dove si riflette. A volte si prega. Altre ancora si sta semplicemente muti. Spazi che stanno spuntando un po’ ovunque. Anche in Svizzera. "Il nostro spazio di meditazione - spiega Anouk Troyon dell’Università di Losanna - è a disposizione di tutti, studenti, impiegati e docenti che vogliono prendersi un istante di riposo lontani dal caos e dal rumore". Un rumore che oggi sembra essere ovunque, costante. E non permette di staccare mai la mente.
A frequentare l’oasi di Losanna sono un centinaio di studenti. Per la maggior parte religiosi. "Ma tutti sono benvenuti - precisa Troyon -, qualsiasi sia la loro confessione: laici, cattolici, protestanti, musulmani non facciamo distinzione di sorta. Il nostro è un vero proprio centro interreligioso". Come trasversale è anche il luogo di quiete del centro commerciale "Sihlcity" di Zurigo aperto una decina di anni fa. Sotto l’egida del pastore riformato Jakob Vetsch. E se all’inizio c’erano più che altro curiosi, oggi, un po’ a sorpresa, s’è creato un gruppo di frequentatori assidui.
Ad accorgersi dell’accresciuta esigenza delle persone di prendersi una pausa dal caos quotidiano anche il Museo della comunicazione di Berna. In questi giorni al silenzio sta dedicando un’esposizione multimediale. Il motivo? Il silenzio, proprio come il rumore, fa parte della nostra quotidianità. Benchè la sua origine si perda nella notte dei tempi, oggi è un bene sempre più raro, spiegano gli organizzatori. Da qui la necessità di offrire al pubblico un percorso di disintossicazione digitale, mettendo in mostra l’equilibrio sociale e storico esistente tra tranquillità e assenza di baccano.  
Università, centri commerciali, ma non solo. Il comune di Milano ha da poco dato il via libera a sale di meditazione nelle stazioni, aeroporti, carceri e case di riposo. All’origine della decisione la convinzione che accedere al silenzio sia un diritto di tutti. E dunque un impegno per l’amministrazione pubblica. Altre città e regioni italiane stanno pensando di fare lo stesso. A Firenze, Ferrara, Torino sono allo studio nuove camere "protette".
Ma gli esempi più famosi al mondo sono le stanze del Manchester Trafford shopping center, della Porta di Brandeburgo a Berlino e del palazzo Onu a New York. A Minneapolis, negli Stati Uniti, c’è invece il luogo artificiale più silenzioso in assoluto. Finito, non per niente, nel Guinness dei Primati. Un silenzio assoluto da diventare assordante, tant’è che chi vi si è avventurarto ha resistito pochi secondi. Altri, che hanno resistito un quarto d’ora sono usciti in preda ad attacchi di ansia, panico e allucinazioni uditive. Tuttavia, si rivela un luogo perfetto per le aziende per testare alcuni prodotti prima di lanciarli sul mercato: valvole cardiache, cellulari, apparecchi per le auto, lavatrici, moto. Ce n’è per tutti i gusti. Anche la Nasa sottopone i propri astronauti ad alcuni test dentro questi spazi e li utilizzano anche medici e ricercatori per i loro studi clinici sulla sordità.

an.b.
10.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00