Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

NUMERI di Loretta Napoleoni
Immagini articolo
A muovere le "piazze"
sono sempre le parole
Loretta Napoleoni


Questa settimana abbiamo avuto conferma che i fondamentali di economia hanno sempre meno importanza e che a muovere ‘piazza affari’ sono i twitter e le frasi chiave di chi gestisce la politica e l’economia, trasformati in notizie flash. Assolutamente irrilevanti, invece, sono le previsioni di lungo periodo relative all’andamento dell’economia ed alla politica internazionale.
Da Sintra, in Portogallo, Mario Draghi ha rassicurato gli europei che, se sarà necessario, la Banca Centrale Europea tornerà a stampare moneta ed a pomparla nel sistema comprando i titoli di Stato dei membri dell’Unione Europea dalle banche che li hanno sottoscritti. Il ritorno del Qe, manovra eccezionale ormai entrata nella normalità, mira a far salire un tasso d’inflazione ormai da anni cronicamente sotto il 2 per cento. Nonostante siano più di quattro anni che Draghi fallisca nel perseguire questa strada, il tasso di cambio dell’euro contro il dollaro è sceso dello 0,2 per cento mentre annunciava un nuovo Qe. Subito dopo Donald Trump con un twitter ha accusato il presidente della Bce di manipolare volutamente i tassi di cambio, alla pari dei cinesi, per danneggiare le esportazioni dei prodotti americani. I mercati quasi, quasi non ci hanno fatto caso perché immediatamente dopo è arrivata la notizia che la Riserva Federale non abbassava i tassi d’interesse a giugno ma con molta probabilità lo farà a luglio. E così il dollaro è sceso rispetto all’euro ed alle altre monete di riferimento.
Le fluttuazioni dei tassi di questa settimana, dunque, non si riferiscono ad indicatori economici reali, al tasso d’inflazione o a quello d’interesse per esempio, ma a manovre che potrebbero essere poste in essere. E sicuramente sia Draghi che la Fed sono perfettamente consapevoli che ogni loro parola e frase relativa al futuro ormai fa muovere i mercati nel presente, se le sanno usare bene, come è successo questa settimana, non c’è neppure bisogno di fare nulla. Lo scollamento tra andamento dell’economia reale e gli indici di ‘piazza affari’ è dovuto ad una serie di fattori, tra i quali i più importanti sono l’uso di sofisticatissimi computer nel trading, le macchine infatti reagiscono quasi in tempo reale a parole chiave e numeri senza metterli nel loro contesto, ed alla prolungata politica dei tassi bassi.
Il pericolo lo conosciamo bene, nessuna di queste politiche ha funzionato fino ad ora, piuttosto ha creato serissime distorsioni, tra cui l’inflazione immobiliare e le disuguaglianze economiche. Prima o poi bisognerà rendersene conto e correre ai ripari, nessuno però sa quando.
23-06-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa