Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

IL COMMENTO di * Nenad Stojanovic
Il modello dell'Oregon
nella democrazia diretta
* Nenad Stojanovic


Potere decidere direttamente, tramite votazioni popolari, sulle questioni politiche che riguardano la nostra vita e il bene comune è un grande privilegio. In nessun altro Paese le cittadine e i cittadini sono chiamati alle urne così spesso come in Svizzera. Ma la democrazia diretta mostra segni di stanchezza. La partecipazione alle votazioni popolari raramente supera il 50%. Vengono lanciate sempre più iniziative popolari che affrontano problemi complessi proponendo soluzioni populiste e difficilmente realizzabili. Alla lunga tutto ciò mina la legittimità della politica. Tanti cittadini non si fidano più delle raccomandazioni del Consiglio federale, del Parlamento e dei partiti.
Insomma, la democrazia diretta ha bisogno di un lifting. Cosa fare? Un’idea interessante viene dagli Stati Uniti. Da circa dieci anni lo Stato di Oregon si è dotato infatti di un’innovazione democratica chiamata "Citizens’ Initiative Review". Di cosa si tratta? Prima di ogni referendum viene tirato a sorte, fra tutta la popolazione, un gruppo composto da una ventina di persone. Durante una settimana questo gruppo di cittadini discute dell’oggetto in votazione, con l’aiuto di esperti che presentano loro i relativi vantaggi e svantaggi. Un moderatore neutrale garantisce l’imparzialità dell’informazione e incita tutti a esprimersi. Alla ha sufficiente tempo per deliberare nel loro interno ed emettere una raccomandazione di voto. La raccomandazione non deve essere unanime: può esserci una maggioranza e una minoranza. Entrambe le raccomandazioni, e le relative motivazioni, sono pubblicate nell’opuscolo ufficiale, inviato a tutti gli aventi diritto di voto.
Il modello di Oregon è interessantissimo perché apporta ben quattro benefici alla democrazia. Primo, il sorteggio è un metodo di selezione che rispetta il principio chiave della democrazia: l’eguaglianza politica. Ogni persona ha esattamente le stessa probabilità di essere selezionata. Secondo, si tratterebbe di una palestra di educazione civica. I cittadini sorteggiati avrebbero l’occasione, ma anche il dovere, di imparare come funzionano le istituzioni democratiche, nonché di soppesare i vantaggi e gli svantaggi delle decisioni politiche ascoltando e rispettando le opinioni degli altri. Se il modello venisse applicato in Svizzera a tutti i livelli, ogni anno diverse centinaia di persone verrebbero coinvolte. Terzo, gli esperimenti con la "democrazia deliberativa" di questo tipo hanno dimostrato che alla fine della procedura la percentuale dei cittadini che accetta proposte facili e populiste è assai minore che all’inizio della procedura. In altre parole, sarebbe anche un antidoto al populismo. Quarto, il risultato della discussione non finisce nel nulla ma aiuta tutti i votanti a prendere una decisione. Oggigiorno i cittadini e le cittadine possono infatti conoscere solo le raccomandazioni delle élite politiche. Non tutti si fidano. Ma potrebbero essere interessati a conoscere l’opinione delle "gente comune". Gli studi condotti in Oregon mostrano che il 43% dei votanti legge le raccomandazioni dei cittadini ordinari, e fra questi la stragrande maggioranza dichiara di trovarle informative e utili. Non è una cosa da poco.

* professore di scienze politiche e membro dell’Institut d’études de la citoyenneté dell’Università di Ginevra
21-10-2018 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum