Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

DIARIO di Giuseppe Zois
Immagini articolo
Ma i campioni di ieri
erano cuore e maglia
Giuseppe Zois


Caro Diario,
vicende e uomini - ma ora anche donne - del calcio dominano la scena tra luci e ombre, attese e speranze, splendori e miserie. Lugano e Cornaredo che si preparano a ricevere l’Inter del nuovo corso, con Conte timoniere e l’orgoglio nerazzurro che torna a pulsare forte; Villa Sassa che diventerà epicentro di curiosità, tifo, il solito corollario dei grandi eventi; Marotta e Renzetti che delineano spazi di collaborazioni possibili ed auspicate… Insomma, un bel colpo per l’immagine e la propaganda anche in chiave turistica. Dal 7 al 14 luglio riflettori puntati su Lugano, con titoli caricati per fare sensazione, com’è naturale che sia quando una nuova stagione - e con quali aspettative? - sta per decollare. Fama di riflesso anche per i bianconeri padroni di casa, freschi di qualificazione all’Europa League, che saranno i primi a testare le ambizioni del "Biscione". Non è per gusto di andare controcorrente, ma se si parlerà molto, e comprensibilmente, dell’Inter sulle rive del Ceresio, si vedrà poco dei campioni che vivranno protetti e blindati. Tocca accontentarsi soprattutto di sogni veicolati da giornali e Tv.
LA FRANCIA del pallone tiene banco sia in campo che fuori: sui rettangoli verdi con i mondiali delle calciatrici. Dalla "vie en rose" di Edith Piaf alle emozioni fatte viaggiare sui tacchetti più che sui tacchi (a spillo) delle signore. Che in calzoncini e magliette stanno dimostrando di saperci fare e hanno poco da invidiare per grinta, tecnica, tattica e determinazione agli assoluti (finora) padroni di specialità. Una distanza abissale tuttavia permane: le cifre stellari restano esclusiva maschile, la parità qui è destinata a una lunga… panchina. E intanto, sempre in Francia, uno che fu un mito in campo - Michel Platini - vede oscurarsi malamente la sua folgorante immagine di trionfatore. Ora fa scrivere altre cronache: a Parigi è stato fermato e poi rilasciato in relazione ai discussi (modi di dire) mondiali 2022 del Qatar. "Le roi" lasciò il campo acclamato con un mazzo di rose alzato al cielo: ora sono solo spine.
TUTTO CAMBIA, rapidamente, e il calcio non fa eccezione. Conte, icona dei trionfi juventini, sarà il top player dell’odiosamata Inter; destino parallelo per Sarri, allenatore simbolo del Napoli, pure antagonista non oxfordiano della Juve, di cui ora ha preso le redini. Si dice che è normale, fa parte… del gioco. Campioni e allenatori sono prestatori d’opera, pagati per quel che valgono. Contano i risultati, non la maglia. Però, quanta nostalgia per uomini-simbolo come Herrera-Rocco, Mazzola-Rivera, Bergomi-Baresi e, tra i pali del Lugano, Prosperi. Rappresentavano la saldezza dell’appartenenza. Ora siamo entrati nell’epoca multitasking, multiculturale, multi-tutto. A volte, anche multi-niente.
23-06-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa