Dello stesso autore
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Gli affari con la Cina
garanzia per l'Australia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"

Loretta Napoleoni
Gli affari con la Cina
garanzia per l'Australia
Loretta Napoleoni
Chi è
Esperta di economia internazionale e terrorismo. Ha pubblicato vari libri; l'ultimo uscito è 'Kim Jong-Un - Il nemico necessarioi'.
È dal lontanissimo 1991 che l’Australia non entra in recessione, un record tra i paesi industrializzati condiviso soltanto con l’Olanda. Negli ultimi trent’anni, infatti, le economie avanzate sono state colpite da due catastrofi economiche: lo scoppio della bolla "dot.com" come nel 2000 e quello dei mutui spazzatura nel 2007 che portò al crollo della Lehman Brothers. In entrambi i casi l’Australia è riuscita a proteggere la propria economia per una serie di motivi tra cui l’agilità con la quale il dollaro australiano si è svalutato, rendendo più competitive le esportazioni delle materie prime, ed i legami commerciali con la Cina. In realtà il ciclo economico australiano presenta più interdipendenze con quello cinese che con quello dei paesi più "industrializzati". Nel 2008-2009, ad esempio, lo stimolo introdotto dal governo cinese per attutire l’impatto della crisi sull’economia cinese ha fatto si che le esportazioni di ferro e carbone australiano in Cina rimanessero invariate nonostante la contrazione mondiale.
La Cina, dunque, è il più importante partner commerciale dell’economia australiana, un’economia che dipende per il 22 per cento del proprio prodotto interno lordo dalla vendita all’estero di materie prime. L’Australia non esporta beni ad alta tecnologia ma prodotti essenziali per la crescita e lo sviluppo del mercato nazionale cinese, è questo un dato importante. Il legame con il settore delle esportazioni cinesi è minimo, e questo è decisamente il motivo per cui la flessione di queste dovuta alla guerra tariffaria non ha avuto alcun impatto sull’economia australiana.
Fortunatamente per l’Australia, la stabilità del mercato interno è fondamentale per Pechino, infatti la legittimità del partito comunista resta proprio su questo pilastro. Da quando Trump ha lanciato l’offensiva tariffaria, Pechino ha risposto con una serie di politiche per potenziare il mercato interno ed accelerarne lo sviluppo. L’obiettivo di lungo periodo di Xi Jinping, non dimentichiamolo, è sostituire la domanda esterna con quella interna.
Per ora, dunque, il settore trainante dell’economia australiana rimane in una botte di ferro, ma c’è chi teme la contaminazione attraverso il mercato dei capitali. Se è vero che la Cina è il partner commerciale più grande è anche vero che gli Stati Uniti sono l’investitore netto più importante dell’Australia. Una riduzione nel flusso dei capitali, o legata allo scoppio della recessione o alle politiche "vendicative" di Trump nei confronti di chi continua a commerciare liberamente con la Cina, metterebbe a durissima prova l’economia australiana. Il crollo degli indici di borsa a metà agosto sembra confermarlo.
Economisti ed analisti sostengono che il livello di debito detenuto dal settore privato è eccessivamente alto rispetto alla crescita del reddito, un errore che non è stato rimediato durante gli ultimi 10 anni. Ancora più preoccupante per il Paese del premier Scott John Morrison, (succeduto a Malcolm Turnbull) che ha sconfitto il laburista Bill Shorten, è l’impatto che la crisi mondiale sta avendo sulle quotazioni delle maggiori banche, Commonwealth, Westpac, Nap and Anz, che hanno perso il 3% e la dipendenza dei titoli dei gruppi minerari, come Rio Tinto che ha perso il 2,8 per cento, dalla domanda globale. Esiste insomma una fragilità quasi endemica che potrebbe far scivolare il Paese nella recessione mondiale. Questa volta, dunque, l’Australia potrebbe non farcela a schivare la recessione.
25-08-2019 01:00



La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bandiere
dell’India
in fiamme
nel Kashmir

Il fuoco
dell’Amazzonia
incendia
le piazze

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00