Dello stesso autore
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit è legata
al concetto di sovranità
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Lorenzo Cremonesi
Chi è
Nato a Milano nel 1957, come giornalista segue, da oltre 25 anni, le vicende mediorientali dal Libano all'Afghanistan, dal Pakistan all'Iraq.
L’attacco turco contro l’enclave curda in Siria - che ha già provocato decine e decine di vittime - era atteso. E tuttavia sino all’ultimo i dirigenti di Rojawa (La terra dell’alba, come l’hanno ribattezzata i curdi negli ultimi anni) speravano che il presidente americano Donald Trump potesse tornare sui suoi passi.
L’attacco curdo segue infatti ad una serie di contatti tra Trump e l’omologo turco Recep Tayyip Erdogan, in cui sarebbero state definite tra l’altro le modalità del ritiro del migliaio di soldati americani che negli ultimi anni hanno affiancato le unità di combattimento turche nella battaglia contro Isis. Lo stesso Erdogan parla di due obbiettivi principali per l’operazione. Il primo è debellare una volta per tutte la presenza di unità armate curde lungo gli oltre 500 chilometri di confine turco-siriano che lui definisce apertamente "terroristi". Il secondo è invece creare una "zona cuscinetto" profonda una trentina di chilometri dove spostare un paio di milioni di profughi siriani fuggiti in Turchia dallo scoppio delle rivolte contro il regime di Bashar Assad iniziate nel 2011.
Ma i dirigenti di Rojawa accusano ormai apertamente di essere stati "pugnalati alle spalle" da parte dell’amministrazione Trump. Loro, che sono sempre stati i maggiori alleati locali della coalizione anti-Isis guidata dagli Stati Uniti, si sentono "traditi", abbandonati. "Sarà una vergogna e un’onta per l’immagine degli Stati Uniti nel mondo. Trump si rivela un alleato inaffidabile, che abbandona gli amici nel momento del bisogno", ribadiscono. Sono ben consapevoli di non poter far fronte alla potenza di fuoco dei turchi. Questi dispongono di uno dei più forti eserciti della Nato, la loro aviazione è equipaggiata con radar e sistemi di puntamento.
E, nonostante tutto ciò, i curdi paiono decisi a resistere. Alcune unità si stanno preparando anche ad operazioni di guerriglia nelle retrovie turche. Non è neppure da sottovalutare la possibilità che unità attive del Pkk (il gruppo militante curdo in Turchia) non possano lanciare attacchi di rappresaglia al cuore delle maggiori città turche. Occorre ricordare che l’anno scorso i curdi cercarono di resistere all’attacco turco contro la loro enclave di Afrin, isolata non lontano da Aleppo, ma vennero pesantemente sconfitti dopo 58 giorni fi battaglia dura.
Una delle conseguenze potrebbe essere la scelta curda di riprendere i contatti diretti con il regime di Assad a Damasco e con i suoi alleati a Mosca e Teheran. "Tutte le opzioni restano aperte. Noi siamo pronti a dialogare chiunque sia disposto ad aiutare il popolo curdo", dicono i loro dirigenti politici a Qamishli, la città più popolosa di Rojawa. Ma intanto le prime azioni della nuova guerra paino indicare bombardamenti e blitz nel profondo delle zone curde, sino alle vicinanze di Raqqa, la ex capitale del "Califfato" in Siria.
Crescono nel frattempo i timori che Isis, sconfitto il marzo scorso nella sua roccaforte di Baghouz, possa approfittare del caos per rimettere radici nella regione. Non è chiaro chi si occuperà dei campi di detenzione dove sino a oggi i curdi chiudevano circa 12.000 uomini combattenti di Isis e in quello di Al Hol, che ospita circa 75.000 tra donne e bambini dei combattenti di Isis. Così la questione Isis torna all’ordine del giorno e i curdi accusano Trump per aver messo in pericolo i successi di almeno tre anni di battaglie comuni.
13-10-2019 01:00



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Forze turche
bombardano
per sbaglio
quelle Usa

Manifestanti
attaccano
la sede di Total
a Parigi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00