Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Chiara Saraceno
Chi è
Sociologa, professore di ricerca presso il Wissenschafts- zentrum für Sozialforschung di Berlino
Un assegno di 3500 franchi una tantum può certamente servire a coprire i costi iniziali che comporta l’arrivo di un figlio: carrozzina, vestiti, pannolini, ecc. Non sono, ovviamente, un incentivo sufficiente a incoraggiare ad avere un figlio chi lo desidererebbe, ma ritiene di non poterselo permettere. I figli, infatti, costano, richiedono, denaro e tempo. Mentre il costo in denaro tende ad aumentare, insieme ai bisogni, man mano che i figli crescono, quelli di tempo diminuiscono dapprima molto lentamente, poi più velocemente. Ma gli effetti del tempo investito nella cura ed educazione, certamente per lo più positivi per il benessere dei figli, sono spesso negativi per le capacità di guadagno a medio e lungo periodo di chi, in larga maggioranza le madri, vi si è dedicato.
Questo doppio, e differenziato per gli uomini e le donne, costo della scelta di procreazione, emerge in modo particolarmente esplicito oggi, in società  ove le aspettative di uguaglianza tra uomini e donne e il desiderio, ma anche la necessità, delle donne di contare su un grado di autonomia economica, la maggiore vulnerabilità ai rischi di povertà  delle famiglie monoreddito con figli, si scontrano con un contesto economico divenuto più insicuro anche per gli uomini, indebolendo per ampi strati della popolazione, specie più giovane, la possibilità  di fare progetti di vita a medio-grandi lungo termine. Ma decidere di avere un figlio è appunto, un progetto a lungo termine.
Per ampliare i gradi di libertà rispetto alla decisione se e quando avere o meno un figlio (in più) occorrono condizioni, e politiche, che sostengano la capacità di progettare, è investire, nel futuro. Per rimanere nel campo dei trasferimenti monetari, più che assegni, anche generosi, una tantum, sono importanti assegni continuativi, che sostengano nel tempo il costo dei figli. Sul versante del costo del tempo dedicato alla cura dei figli, occorre favorirne la redistribuzione da un lato tra padri e madri, dall’altro tra famiglia e società, tramite servizi di cura ed educazione anche per i più piccoli di buona qualità ed accessibili anche a chi ha risorse modeste o scarse. In entrambi i casi se ne avvantaggerebbero anche, se non soprattutto i bambini. Perché avrebbero a disposizione più tempo paterno e perché il loro sviluppo non sarebbe determinato univocamente dalle risorse materiali, culturali, relazionali, delle famiglie in cui sono nati.
La preoccupazione per le disuguaglianze sociali tra bambini e l’impatto che esse hanno sul loro sviluppo nel medio e lungo termine, dovrebbe, in effetti, accompagnare e informare qualsiasi politica di sostegno alla natalità.
24-09-2017 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum